Passa ai contenuti principali

The Catcher in the Rye


Dove vanno le anatre del laghetto di Central Park quando gela l'acqua? Restano lì a quanto pare: non credo che abbiano di che preoccuparsi per il cibo. Comunque, quando lo chiedeva Holden io pensavo: migreranno!

Il giovane Holden va letto da ragazzini, senza dubbio, ancora poco smaliziati per giunta.

Sicuramente all'epoca, sia per lo stile che per i contenuti fece scalpore, tuttavia io non vi ho visto nessuna ribellione adolescenziale, nessun atto mostruoso... anzi. Holden Caulfield non è un antieroe, è un bravissimo ragazzo, borghese, ma così borghese che anche il suo vagabondaggio lo è; un aristocratico sofisticato che snobba gli aristocratici sofisticati oltre che i poveracci! Magari più intelligente degli altri, superiore senz'altro (data anche la sua giovane età) ed è questa "brillantezza" che non ce lo rende antipatico: l'intelligenza lo rende anche abbastanza umile.

Forse, pensandoci bene, Holden è oggi più che mai vicino a noi: benestante in un mondo dove non molti lo erano, oggi tutti noi, figli del benessere, ci riconosciamo in lui, depressi e insoddisfatti della vita opulenta che conduciamo, che non ci fa camminare da soli e ci fa star sicuri che, anche se non lo faremo mai, avremo sempre qualcuno che ci coprirà le spalle.


Commenti

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Parli del diavolo e spuntano le corna: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=377225

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…