Passa ai contenuti principali

Il mio nome è Wallander, Kurt Wallander


Lo sapevate che in Svezia da ormai trent'anni non si usa più il lei? Io no. L'ho scoperto leggendo una nota del traduttore di Assassino senza volto di Henning Mankell, quello di Wallander.

Avendo visto la serie, ho voluto leggere i romanzi. In questa prima inchiesta del commissario, non ci ho trovato niente di eclatante in realtà, un giallo un po' simile a tanti; certo, diversa ambientazione (una Svezia gelida e fredda) un commissario umano ma non esagerato, insomma il libro scorre... però non mi ha troppo convinto.

In effetti, la serie con Kenneth Branagh ha scelto altri 3 romanzi, nel senso che non hanno cominciato dalla prima inchiesta. Poi, pure la serie, praticamente è un one man show: c'è solo lui, primissimi piani solo suoi, approfondimenti solo su di lui, battute solo sue... per carità, io lo adoro ed è bravissimo... però non mi ha troppo convinto. Bella fotografia comunque.

E a pensarci bene, anche nel libro i personaggi secondari sono poco delineati. Credo che quello che colpisca di questi romanzi (a parte dei clichè sempre amati: problemi familiari, bere per dimenticare, delusioni etc etc), sia proprio l'ambientazione esotica (sembra un controsenso!): questa Svezia così lontana da noi, questo mare gelido che c'è sempre, il cielo grigio, il freddo, i poliziotti senza armi e un fucile da caccia ogni 2 abitanti!

Commenti

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…