Passa ai contenuti principali

Ma non è una ricetta estiva!

Ogni tanto mi diletto in cucina e preparo manicaretti per Voi Sapete Chi. Ieri ho avuto la brillante idea di fare i cannelloni e credo di aver battuto un record: 2 ore per preparare pasta, sfoglia tirata a mano (non ho trovato la nonna papera e non ho mai tirato veramente una sfoglia, ma forse gli anni passati a guardare mia nonna che lo faceva sono serviti a qualcosa), sugo, besciamella e ripieno!!!

Altro che Yoga e Pilates!! Se continuassi così per 2 mesetti, potrei avere dei bicipiti da atleta! Considerate che ho un dolorino fastidiosissimo alle mani, proprio sul monte di Venere... e quindi sono arrivata alla stessa conclusione di Colui Che Non Deve Essere Nominato: la pasta fresca fatta in casa è faccenda da uomini!

Ho fatto le cose a naso, ma provo a darvi qualche indicazione precisa.

Per la pasta:

600 gr farina
5 uova
un pizzico di sale

Per il sugo: -io non uso aglio e cipolla!-

400 gr pelati
olio
basilico
pepe
paprika dolce
(volendo si può sfumare con del vino bianco)

Per la besciamella: - qui le indicazioni saranno un po' vaghe, per il momento-

burro
farina
latte
sale
noce moscata

Per il ripieno:

600 gr zucchine
300 gr ricotta di pecora
parmigiano

e poi... mozzarella e altro parmigiano



1. Fate la fantastica fontana di farina e al centro mettete le uova e un pizzico di sale. Sbattete le uova con una forchetta e lasciate che prendano un po' della farina, poi pian piano incorporatela tutta o comunque tutta quella che le uova si prendono. Mia nonna aggiungeva all'impasto anche un filino d'olio (tutto -INO, parlo come Ned Flanders!!). Impastate per bene, sudate e faticate, finché la pasta non diventa liscia.


2. Tirate la sfoglia... dovrebbe essere alta un millimetro. Buttate il mattarello (sì, sì, lo so, la sfoglia fatta a mano è tutta un'altra cosa, rimane più porosa, raccoglie più condimento: ma io sono una nana denutrita, è troppo difficile per me!) e usate la macchinetta per tirare delle sfoglie da tagliare a rettangoli.

3. Mentre i rettangoli infarinati riposano un po', in una padella fate scaldare dell'olio e poi versartevi i pelati. Fate cuocere e versarvi del vino bianco da far sfumare velocemente a fuoco alto. Aggiungere la paprika, il basilico, pepe e sale e fate cuocere a fuoco più basso.

4. Nel frattempo preparate la besciamella. Fate fondere circa 50 gr di burro, togliere dal fuoco (se non me lo avesse detto Gabriella, non ci avrei mai pensato) e incorporate la farina, poca per volta finche non assorbirà tutto il burro e formerà quasi un grumo liscio. Rimettete sul fuoco e aggiungete poco a poco il latte mescolando (meglio con una frusta). La besciamella è pronta quando raggiungerà una consistenza densa (ma si può fare più liquida) dopo aver bollito per qualche minuto. Aggiungete sale e noce moscata.

5. Mettete una pentola d'acqua salata a bollire per cuocere la pasta e nel frattempo tagliate le zucchine a rondelle sottili, mettetele in una padella con dell'olio, salatele, pepatele, mettetele sul fuoco con un coperchio e andate a rilassarvi.



6. Bevete 10 bicchieri d'acqua o 2 di bibite energetiche, mettetevi comode sul divano (non provate a sonnecchiare!) e se vi trovate nel covo di Colui Che Non Deve Essere Nominato, vedete cosa passa Sky: lasciate perdere i film, tanto a quest'ora non ci sono, o meglio, trovate l'ennesima replica di Jumper o un miliardo di filmetti con scritto nel titolo, sex, sexy, bionda, love, amore, pene gigante... ok questo non è ancora successo, comunque optate per una qualche puntata di una qualche serie tv: è così che ho scoperto Medium, nel senso credo sia carino... alzatevi controvoglia e andate a tagliare a cubetti una mozzarella e a grattare il parmigiano.

7. Spegnete l'acqua: le zucchine non saranno ancora pronte e l'acqua avrà cominciato a bollire.

8. Quando le zucchine saranno cotte, lasciatele un po' raffreddare (ma anche no), mettetele in una terrina evitando di buttarci dentro tutta l'acqua che hanno tirato fuori durante la cottura, e mischiarle con la ricotta e il parmigiano... ah, maledizione ecco cosa ho dimenticato!! un uovo! mettete un uovo per legare il ripieno.

9. L'acqua adesso dovrebbe bollire, versateci un po' d'olio di modo che la pasta non si attacchi e buttate i rettangoli: quando vengono a galla sono pronti.

10. Riempite i rettangoli con il ripieno e arrotolateli.

11. Prendete una teglia, o quelle che vi servono, cospargete il fondo di besciamella, posizionate i cannelloni, coprite con il sugo, altra besciamella, mozzarella e parmigiano.

12. Infornate e cuocete a 180° per 15 min. Se li volete più "abbruscati" alzate la temperatura per altri 5/10 min.

13. Fate pulire la nostrana spianatora a Voi Sapete Chi, adducendo delle scuse e/o giustificazioni insignificanti.

14. Mettetevi a tavola serene e trionfanti, senza pensare al fatto che tutto quel casino che avete fatto in cucina, adesso andrà ripulito.

Commenti

  1. Ciao Eli'! Come stai? Anche tu bloggheggi? Bella idea.. ma perche' cucini per Voldemort???
    E soprattutto.. occhio che per chi fa la strollica il monte di Venere sta sulle mani, ma per tutto il resto del mondo il monte di Venere sta da un'altra parte!!

    RispondiElimina
  2. Questo è vero, ci pensavo mentre lo scrivevo: per questo vicino a monte di Venere ho anche scritto MANO!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…