Passa ai contenuti principali

Vuoi star zitta, per favore?


Credo che il racconto, come genere letterario, sia qualcosa di molto complesso da realizzare: ci si può permettere di sbagliare molto poco, non si possono avere alti e bassi, tutto deve essere completato e detto senza sbavature in poche pagine.

Nonostante l'apologia del racconto, io non sono da racconti, non lo sono mai stata e non lo sono diventata neanche leggendo Carver... e posso dirvi che, nonostante i temi trattati, una quotidianità che lascia l'amaro in bocca, vi rimane impresso.

Ha dei tempi perfetti, una struttura precisa, secca, come il suo stile che, però, in due parole riesce a farti visualizzare un mondo: "mi sono messo a guardare fuori dal finestrino e a succhiarmi le guance!"

Ho letto da qualche parte che i racconti vanno letti in pillole, e quelli di Carver soprattutto. Forse è questo il segreto per apprezzarli.

Intanto, allora, io vi faccio leggere il primo racconto della raccolta che ho comprato. C'è qualcosa di inquietante in questi racconti, qualcosa che da un certo punto della narrazione vi invade e non vi lascia più, e il finale non vi aiuterà a cancellarlo.

In Italia tutta l'opera di Carver è pubblicata dalla Minimum Fax che, a quanto pare, ha acquisito i diritti grazie allo smisurato amore dei due fondatori per lo stesso Carver.

Commenti

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…