Quis custodiet ipsos custodes?

26 settembre 2009


... oppure who watches the watchmen? E non chiamateli supereroi: so' 4 fallacciani (oh Dio, fallacciani sarà un marchio TM?!) complessati che un giorno hanno deciso di mascherarsi per combattere il crimine.

Ovviamente, odiando con tutte le mie forze Spoilerman e la sua fida compagna, io qui sopra non spenderò inutili parole sulla trama, i personaggi etc etc. L'unica cosa è che magari, incuriosendovi, andrete poi a leggere il fumetto (e leggetevi il fumetto prima di vedervi il film!!!!!).

Iniziamo col dire che Alan Moore è un tipo un po' fuori dal comune, voglio dire, è un mezzo teatrante e devo ancora capire che vuol dire autoproclamatosi mago... comunque, non ci vado a cena insieme, per cui penso di lui che sia una di quelle voci geniali che riescono a emergere nel marasma generale di monnezza e mediocrità.

Dimenticate i supereroi convenzionali, nessuno qui ha dei superpoteri, a parte, forse, colui di cui qualcuno dice "Dio esiste ed è americano!", psicologie abbastanza complesse, storia intrigante, personaggi forti, perfino quelli di contorno non sono lasciati al caso e bucano il foglio!


Bello, del resto è stato definito uno dei migliori romanzi in lingua inglese dal 1923, e sottolineo romanzi. Vi lascio con una citazione:


"Un uomo va dal dottore. È depresso. Dice che la vita gli sembra dura e crudele. Dice che si sente solo in un mondo che lo minaccia e ciò che lo aspetta è vago e incerto. Il dottore dice: "La cura è semplice. In città c'è il grande clown Pagliacci. Vallo a vedere e ti tirerà su". L'uomo scoppia in lacrime. "Dottore", dice, "Pagliacci sono io". Bella storia. Tutti ridono. Rullo di tamburi. Sipario." (Dal diario di Rorschach)

Il Signore Oscuro compie gli anni

23 settembre 2009

Solo Colui Che Non Può Essere Nominato poteva riuscire a far entrare 15 persone in una stanzetta 3x2... a quanto pare, i seguaci del Signore Oscuro viaggiano ancora su questa terra, persone insospettabili, come Marcus Pacifismus, Mangiamorte per scelta.

Voi Sapete Chi oltrepassa gli -enta, "Vai per i 40!", gli ha ricordato un suo avo... ma niente lo spaventa, nè l'età che avanza, nè i capelli bianchi cominciati a crescergli dopo aver creato l'Horcrux più potente di tutti (ormai quasi 5 anni or sono), nè il potente e antico sortilegio Invecchiando Impazzendo (quello che lo fa parlare ed urlare sempre di più).

Il mio compito, in tutto ciò, era servire il mio padrone, proprio come un elfo domestico, e proprio come il più imbranato degli elfi domestici ne ho combinate parecchie: organizzare qualcosa da sola, essere il braccio e la mente contemporaneamente, non fa per me.

1) La ricerca disperata del glucosio
Pasticcerie, gelaterie, erboristerie e farmacie... farmacie soprattutto:
"Senta, una domanda, non è che per caso vendete il glucosio?"
"Certamente!" sorriso smagliante, scompare un momento alla mia vista e compare con questi affari qui: guardate.
Poi in gelateria mi fanno la carità di regalarmi dello sciroppo di glucosio (che non funzionerà).

2) La spesa a metà
Le mie incredibili doti organizzative, e la mia memoria a brevissimo tempo malfunzionante hanno fatto sì che scordassi di comprare piatti, forchette, bicchieri e, soprattutto, qualcosa di cui riempire questi ultimi. Per fortuna, la dispensa di casa mia è piena di quelle cose che si regalano a natale, quelle cose tipo da ubriaconi, che rimangono sepolte lì finché non vengono a trovarti quelle spugne dei tuoi amici. In compenso, al supermercato ho comprato decine di impicci inutili da pasticciere fallito: marzapane, colorante blu, colorante giallo, colorante rosso, la matita del pasticciere, glasse di riserva, zucchero a velo...

3) La torta!!!!!!!!!!!!
La mia cieca dedizione al Signore Oscuro mi ha fatto pensare in grande: riproviamo a fare le decorazioni di pasta di zucchero, "ma stavolta faccio il vero fondant, basta con i marshmallow!". Esperimento mezzo fallito, credo per via dello sciroppo di glucosio. Per fortuna avevo il marzapane preventivamente comprato.

... chiamiamola Torta doppia farcita... o tutti gusti+1, sottotitolo: come diventare Mr. Wolf in mancanza di Harvey Keitel.


ingredienti:

per 2 basi

- 300 gr cioccolato fondente
- 250 gr di burro
- 10 uova
- 300 gr di farina
- 250 gr di zucchero
- 2 bustine di lievito

Lavorate i tuorli con lo zucchero, poi aggiungete il burro a temperatuta ambiente e continuate a lavorare l'impasto. Aggiungete il cioccolato sciolto a bagnomaria e per ultima la farina, poca per volta.

Montate a neve fermissima gli albumi ed aggiungerli all'impasto, infine aggiungete il lievito per dolci.

Fate cuocere nel forno preriscaldato a 180° per 30 minuti.


per farcire:

- marmellata di albicocche

- crema al mascarpone e latte condensato:
250 gr mascarpone
100 gr di latte condensato

Montare il mascarpone e nel mentre versarvi il latte condensato. Punto. Facilissima, buonissima, non di mia invenzione ma scovata in un fantastico forum di cucina.

per decorare:

- marzapane fatto in casa o marzapane comprato e pronto all'uso o pasta di zucchero detta anche fondant o fondant di marshmallow... un giorno posterò tutte le ricette che ho trovato, ma siccome stavolta ho utilizzato praticamente solo il marzapane comprato, non c'è bisogno di dire altro.

- glassa al cioccolato

Adesso prendiamo le due basi, apriamole, senza spaccarne nessuna come è successo a me con quella più grande (da cui bozzi e bitorzoli!), una la riempiamo di marmellata la richiudiamo e spalmiamo tutto l'esterno sempre con la marmellata, e avremo una torta tipo Sacher (dico tipo perché l'impasto è un po' diverso); l'altra la riempiamo e la cospargiamo di crema al mascarpone e latte condensato.



Se la glassa non vi basta, come è successo a me, niente paura, si può rimediare all'ennesima disattenzione: mettiamo le torte una sopra all'altra e ricoprite la mini torre di Babele con la glassa al cioccolato.

Adesso, per coprire le magagne, avvolgete la torta spezzata in una crosta di marzapane fucsia (colorato con il colorante rosso) e decorate come volete.



Anche ad essere s'impara

18 settembre 2009


Sentite, io adoro Calvino e adoro tutta la trilogia dei Nostri Antenati, ma Il cavaliere inesistente, secondo me, è il meno riuscito dei tre.

Rileggendolo, ho avuto la stessa impressione della prima volta: sembra che l'autore trasmigri nel narratore il suo sforzo di andare avanti nella storia, suor Teodora che fatica per scrivere il racconto mi fa immaginare Calvino nella stessa difficoltà.

Questa, del resto, è l'unica pecca di una narrazione semplice, lineare, ma praticamente perfetta nella struttura che, peraltro, in molti punti assomiglia a quella de L'Orlando furioso a cui, ovviamente, si richiama (a tal proposito c'è questo interessante saggio da leggere).

C'è una sorta di nostalgia quasi fastidiosa, che emerge soprattutto alla fine e nel personaggio di Agilulfo e credo che sia una nuova presa di coscienza dell'autore, un Calvino che si prepara a cambiare stile e poetica.

Personalmente preferisco il Calvino che scriveva di guerre e partigiani e veniva definito fantastico, rinchiuso in una categoria, quella del neorealismo, e, come ogni grande scrittore, è riuscito a fare non solo "letteratura di genere" (del resto, come disse lui stesso, so' boni tutti a scrivere di favole ed essere fantastici, ma quanti sono capaci a scrivere della Resistenza con toni fiabeschi?). Leggetevi, a questo proposito, Il sentiero dei nidi di ragno e la raccolta di racconti Ultimo viene il corvo.


Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

10 settembre 2009


Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», disse; «non si può credere a una cosa impossibile.»
«Oserei dire che non ti sei allenata molto», ribatté la Regina. «Quando ero giovane, mi esercitavo sempre mezz'ora al giorno. A volte riuscivo a credere anche a sei cose impossibili prima di colazione.»

... per non parlare di quale grosso inquietante personaggio sia stato il reverendo Charles Lutwidge Dodgson in arte Lewis Carroll! Questa qui a destra è Alice Liddell fotografata da lui: mette un po' i brividi. Ma a quanto pare fotografare bambini con queste mise (ma anche senza mise) era pratica, diciamo così, comune.

Del resto le dedicò i suoi 2 più importanti scritti, pare non l'abbia mai dimenticata... pare anche che la madre di Alice abbia invece avuto premura di far presto dimenticare lui alla figlia (le fece bruciare tutte le letterine che lui le scrisse).

Ad ogni modo basta fare insinuazioni, basta parlare male della gente morta. Ooooh! Leggetevi i libri, dopo averli letti leggetevi il saggio di Piergiorgio Odifreddi che è un matematico, scrittore che ha parlato di tutto (perché ovviamente i due romanzi di Alice sono la passione dei matematici) e poi godetevi questo:





e che Jabberwock sia con voi!!!

Un'avventura di Spoilerman

3 settembre 2009



La lega dei Supereroi è composta da vari grossi personaggi, come potete ben vedere nella foto: questa è la squadra originaria, ma, in ogni buona saga che si rispetti, non può mancare il cattivo con i suoi sgherri. Il cattivo per eccellenza, in questo mondo, è Spoilerman...

Spoilerman ha la facoltà innata di rompere i cabasisi a chiunque. Affinando questa tecnica disgustosa, è riuscito a specializzarsi nella divulgazione (non richiesta) di anticipazioni e similari.

Vogliamo ricordare, solo un momento, le 2 terribili scene madri in cui Intolleranza Maxima e in seguito Spocchiagirl e/o la donna ciclopica e/o la donna mangialegna e/o l'incredibile donna maldestra, subirono l'attacco di Spoilerman ricevendo informazioni tremende che minarono per molto tempo la salute mentale dei due supereroi.

D'altronde, è anche vero che ogni cattivo che si rispetti, sotto sotto, ha un cuore. E questi buoni sentimenti si possono manifestare nei modi più disparati, e anche un super cattivo può sentirsi dire: "Ehi, sei il mio eroe!".

In un angolo di mondo abbandonato dalla civiltà, tra le rovine di antichi popoli (e tra la monnezza di moderne comunità), si aggirava Spoilerman, guardando da lontano e con invidia l'eroe delle masse, il Vanzina dei poveri, l'idolo degli intellettualoidi (sembrano ossimori ma pensate che coesistono veramente in moltissime persone).

La sua tracotanza, la sua superbia, la sua boria in quel momento seconda solo a Spocchiaman, lo fecero alzare d'istinto e d'istinto si avvicinò al divo:

- Scusami, volevo chiederti una cosa... (continuando con falsa, falsissima umiltà) lo so che te la chiedono in molti...
- Vuoi un autografo?
- No. Che c'hai 'na sigaretta?
- ..........
- ??
- No.

Muahahahahahah muahahahah

SCUOLA STABILE DI TEATRO ELSINORE

2 settembre 2009


Ciao a tutti, oggi faccio un po' di pubblicità alla mia compagnia e alla scuola di teatro... soprattutto, in attesa di inserire il modulo di iscrizione sul sito ufficiale dell'Inserenata, ospiterò qui il fantastico "box" per richiedere informazioni.

www.inserenata.org

www.inserenata.blogspot.com

 
FREE BLOGGER TEMPLATE BY DESIGNER BLOGS