Passa ai contenuti principali

Il Signore Oscuro compie gli anni

Solo Colui Che Non Può Essere Nominato poteva riuscire a far entrare 15 persone in una stanzetta 3x2... a quanto pare, i seguaci del Signore Oscuro viaggiano ancora su questa terra, persone insospettabili, come Marcus Pacifismus, Mangiamorte per scelta.

Voi Sapete Chi oltrepassa gli -enta, "Vai per i 40!", gli ha ricordato un suo avo... ma niente lo spaventa, nè l'età che avanza, nè i capelli bianchi cominciati a crescergli dopo aver creato l'Horcrux più potente di tutti (ormai quasi 5 anni or sono), nè il potente e antico sortilegio Invecchiando Impazzendo (quello che lo fa parlare ed urlare sempre di più).

Il mio compito, in tutto ciò, era servire il mio padrone, proprio come un elfo domestico, e proprio come il più imbranato degli elfi domestici ne ho combinate parecchie: organizzare qualcosa da sola, essere il braccio e la mente contemporaneamente, non fa per me.

1) La ricerca disperata del glucosio
Pasticcerie, gelaterie, erboristerie e farmacie... farmacie soprattutto:
"Senta, una domanda, non è che per caso vendete il glucosio?"
"Certamente!" sorriso smagliante, scompare un momento alla mia vista e compare con questi affari qui: guardate.
Poi in gelateria mi fanno la carità di regalarmi dello sciroppo di glucosio (che non funzionerà).

2) La spesa a metà
Le mie incredibili doti organizzative, e la mia memoria a brevissimo tempo malfunzionante hanno fatto sì che scordassi di comprare piatti, forchette, bicchieri e, soprattutto, qualcosa di cui riempire questi ultimi. Per fortuna, la dispensa di casa mia è piena di quelle cose che si regalano a natale, quelle cose tipo da ubriaconi, che rimangono sepolte lì finché non vengono a trovarti quelle spugne dei tuoi amici. In compenso, al supermercato ho comprato decine di impicci inutili da pasticciere fallito: marzapane, colorante blu, colorante giallo, colorante rosso, la matita del pasticciere, glasse di riserva, zucchero a velo...

3) La torta!!!!!!!!!!!!
La mia cieca dedizione al Signore Oscuro mi ha fatto pensare in grande: riproviamo a fare le decorazioni di pasta di zucchero, "ma stavolta faccio il vero fondant, basta con i marshmallow!". Esperimento mezzo fallito, credo per via dello sciroppo di glucosio. Per fortuna avevo il marzapane preventivamente comprato.

... chiamiamola Torta doppia farcita... o tutti gusti+1, sottotitolo: come diventare Mr. Wolf in mancanza di Harvey Keitel.


ingredienti:

per 2 basi

- 300 gr cioccolato fondente
- 250 gr di burro
- 10 uova
- 300 gr di farina
- 250 gr di zucchero
- 2 bustine di lievito

Lavorate i tuorli con lo zucchero, poi aggiungete il burro a temperatuta ambiente e continuate a lavorare l'impasto. Aggiungete il cioccolato sciolto a bagnomaria e per ultima la farina, poca per volta.

Montate a neve fermissima gli albumi ed aggiungerli all'impasto, infine aggiungete il lievito per dolci.

Fate cuocere nel forno preriscaldato a 180° per 30 minuti.


per farcire:

- marmellata di albicocche

- crema al mascarpone e latte condensato:
250 gr mascarpone
100 gr di latte condensato

Montare il mascarpone e nel mentre versarvi il latte condensato. Punto. Facilissima, buonissima, non di mia invenzione ma scovata in un fantastico forum di cucina.

per decorare:

- marzapane fatto in casa o marzapane comprato e pronto all'uso o pasta di zucchero detta anche fondant o fondant di marshmallow... un giorno posterò tutte le ricette che ho trovato, ma siccome stavolta ho utilizzato praticamente solo il marzapane comprato, non c'è bisogno di dire altro.

- glassa al cioccolato

Adesso prendiamo le due basi, apriamole, senza spaccarne nessuna come è successo a me con quella più grande (da cui bozzi e bitorzoli!), una la riempiamo di marmellata la richiudiamo e spalmiamo tutto l'esterno sempre con la marmellata, e avremo una torta tipo Sacher (dico tipo perché l'impasto è un po' diverso); l'altra la riempiamo e la cospargiamo di crema al mascarpone e latte condensato.



Se la glassa non vi basta, come è successo a me, niente paura, si può rimediare all'ennesima disattenzione: mettiamo le torte una sopra all'altra e ricoprite la mini torre di Babele con la glassa al cioccolato.

Adesso, per coprire le magagne, avvolgete la torta spezzata in una crosta di marzapane fucsia (colorato con il colorante rosso) e decorate come volete.



Commenti

  1. Ma bravissima!! Certo la torta sarà stata una bomba ipercalorica (sono a dieta..si era capito?) e certo...se vai in farmacia a chiedere il glucosio ti portano quello per la glicemia bassa da iniettare endovena..però...sono sicura che la festa sia andata bene, vero? quello che mi preoccupa è che in molti tuoi post sottolinei questa tua cieca dedizione al...Signore Oscuro..avete uno strano (ma rispettabilissimo) rapporto master/slave o è un normale rapporto di coppia e io non ho capito nulla della vita? @_@

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…