Passa ai contenuti principali

Le origini

Questo post sarà un po' lunghetto. In tanti mi hanno chiesto cos'è La Lega dei Supereroi, perché la L.d.S., come nasce... Questa, signori, è la genesi e da oggi supercattivi tremate, perché siamo più organizzati, più compatti, più coordinati grazie a The Mayor!

dall'edizione critica del codice Miorinico Scipionico 3793


A.D. 2005

1. Spocchiaman in azione

La storia di un uomo disgustato dalle cose semplici e banali.
Un giorno, dopo un incidente assolutamente privo di conseguenze, un uomo scopre di avere dei superpoteri.

parte mancante

Innanzi tutto Spocchiaman è in grado di disprezzare più cose contemporaneamente, sia verbalmente che con azioni concrete (ma potremmo dire anche inconsulte e non sbaglieremmo), ma la sua più grande capacità è la superbia - sottoprodotto primo della spocchia- che gli permette di avere opinioni assolutamente arbitrarie, sostenute da argomentazioni poco concrete ma molto convincenti.

Ancora poche avventure per il nostro eroe.

stralcio di parte mancante: per difendere la sua identità segreta, nella vita di tutti i giorni, difende film dai contenuti discutibili - tanto spettacolo superfluo (tutto chiacchiere e distintivo), emozioni da adolescente sfigato. interruzione

stralcio: La sua fedele assistente, la Donna Ciclopica, ha il potere dell'isteria che porta sempre a buoni e sorprendenti risultati. La Donna Ciclopica acquisisce di volta in volta nuovi e affascinanti poteri... diventa Spocchiagirl, per dar man forte al suo uomo, diventa completamente goffa e impacciata con il nome di Incredibile Donna Maldestra.

2. Spocchiaman all'Università (documento di grande valore storico)

Continuando a frequentare l'università per celare la sua identità segreta, Spocchiaman comincia a seguire le lezioni di letteratura spagnola, accompagnato dalla sua fedele assistente mascherata da matricola.

Improvvisamente la professoressa si rivolge all'aula: - Qual'è l'uccello del mattino in Italia? -
Facili battute disgustano i due supereroi, poi qualcuno alle loro spalle dice:- Il gallo!!- Ma Spocchiaman e Spocchiagirl si guardano fremendo, con aria di superiorità e sufficienza. Prima Spocchiaman opera un depistaggio dicendo:- La cinciallegra!-. Ma Spocchiagirl, che risolve tutti gli enigmi come Robin, con un'elegantissima citazione colta risponde: - No, amore, è l'allodola.-

3. Raro reperto di pubblicità dell'anno 2005

parte mancante... Nasce così l'incredibile prodotto che conquisterà il mercato dei giochi di carte collezionabili:
E vs F

Un gioco incredibile in cui una coppia di ragazzi, apparentemente semplici e innocui, si affrontano in una disputa verbale senza esclusione di colpi, al solo e insensato scopo di avere ragione!!! Scegli il mazzo che preferisci: E o F, e usa i loro poteri per sfidare i tuoi amici! Chi vincerà? Il superbo e spocchioso F o la saccente e bacchettona E? Scoprilo acquistando i mazzi. E per gli appassionati del mondo dei Supereroi, presto in arrivo la prima espansione di E vs F:

Spocchiaman vs La Donna Mangialegna

Usa anche tu degli assurdi e inspiegabili nuovissimi poteri per portare il confronto nel mondo dei supereroi, con battute di spirito fuori luogo e un sacco di inutili onomatopee.

Regolamento del gioco:

a. Non si può usare più di una carta-offesa per turno.
Esempi di carte-offesa:

- ignorantozza
- quantu si matta!
- censurata
- ignorante, cafone, buzzurro

b. Il mazzo E o quello Donna Mangialegna comincia sempre per primo

c. Entrambi possono usare in qualunque momento le carte-spocchia:

-non si dice così/non si scrive così

-"andiamo a consultare almeno lo Zingarelli!"

- io c'ho quasi sempre ragione


Manca ancora un documento importantissimo delle origini della saga. Lo leggerete la prossima volta.

Commenti

  1. Fantastico... e io scommetto che ho un qualche ruolo in questa epica storia...

    RispondiElimina
  2. Seeeee, c'è un episodio in particolare... il codice 10... ti ricorda qualcosa?

    RispondiElimina
  3. Fatemi capire.. questo è quel famoso gioco di carte di cui è da poco uscita l'espansione: NERDS.
    Con le nuove frasi tipo:

    "Come hai fatto?"
    "Ma 'ndo stai?"
    "STRONZA!" (paradossalmente una carta azione del mazzo E)
    "(mute)" (rarissima carta che permette di silenziare l'avversario di cui si sente solo un lontano eco)
    "Ragnetto" (impone l'effetto PANICO sull'avversario).

    Quasi quasi lo compro.

    RispondiElimina
  4. Ahahah, bellissima questa espansione!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…