Le sigarette sono il nutrimento dell'anima

23 novembre 2009


L'apologia delle sigarette (già notata in Persepolis) torna prepotente anche qui, donando addirittura odore di santità a uno dei personaggi.

Ovviamente non è come la graphic novel d'esordio e quest'opera, definita della maturità, in quanto a contenuti è ben poca cosa rispetto alla prima.

Ma la struttura complessa, piena di flash back e flash forward (ahahahahah, non la serie tv eh!) è veramente interessante e dà un sacco di movimento, ovviamente.

In realtà, però, mi è rimasta una brutta sensazione. Nel senso che il protagonista della storia non riesce a entrare in quell'aura romantica che dovrebbe avere: più che la sua sofferenza d'artista io ho visto quella di chi gli è vissuto intorno.

Nessun commento:

Posta un commento

 
FREE BLOGGER TEMPLATE BY DESIGNER BLOGS