Passa ai contenuti principali

Mia sorella è una foca monaca


È stato senz'altro una rivelazione questo libro. Agile, simpatico, scorrevole. Titolo fantastico e accattivante, al contrario di quanto ha scritto qualcuno, ed è senz'altro un giovane Holden tutto italiano. Mi azzardo a dire che forse è persino migliore, ma Frascella non si è inventato niente: il fratello della foca monaca è il Caulfield dei poveri. Punto. E questo non è un difetto, è carattere, come dice Voi Sapete Chi.

Qui, potete leggere il primo capitolo.

Ora, però, mi domando e dico, quando Frascella scrive:
l’autore, l’autrice entra con troppo sé nella narrazione e si dimentica di raccontare la storia ‘con la lingua dei vivi’, come ha detto qualcuno. Questo non lo accetto, questo è un insulto al lettore

ad esempio, parlando del libro della Mazzantini, forse non ricorda troppo bene quando con "troppo sè" entra nel protagonista del suo romanzo (un diciassettenne attaccabrighe di periferia) e gli fa riconoscere, con competenza sorprendente per il lettore, libri di De Felice e Bobbio!! Oppure quando cita Orson Welles e altri film da intelletualoidi... l'unico azzeccato è Terminator, ovviamente.

Voglio dire, non è che solo Carver sapeva scrivere eh! Non sono per la semplicità e la quotidianità stilistica e tematica a tutti i costi. Cosa dovremmo fare? Buttare nel cesso Marquez perché quello che racconta non è verosimile, o perché lo racconta in modo troppo arzigogolato?

C'è differenza tra una critica e un'opinione.


Commenti

  1. mavva a cagare (scherzo) il libro di mazzantini è indiscusso e indistutibilmente la massima espresione della letteratura italiana di oggi. Un faro nel buio e nei buoi sgozzati nell'assurda guerra sarajevita. Guarda nel sito la mia recensione veloce, nel sito in cui hai scritto e nel mio ettorebonato (nel tuo ho messo Fabio Donati) Spero tu mi abbia capito ma scrivo veloce, sai, sono al lavoro, un saluto

    RispondiElimina
  2. Dimenticavo, io non sono dentro lo scialbo ragazzo Pietro, sono immerso nella foca di Mazzantini, donna e uomo insieme, per questo confusa e lacerata immagine sbiadita. Questa vita ci macina , essendo macina, e cosa c'è di più crudo della guerra, specie quella balcanica, per esternare i nostri dolori e i pianti in solitudine, benchè accompagnati da genitori esuli e donne migrate. Baci e

    RispondiElimina
  3. Ho capito perfettamente, e avevo già letto i tuoi commenti sul blog di Frascella. Per inciso, a me la Mazzantini piace molto, ma credo che quest'ultimo non sia stato il migliore dei suoi lavori.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…