Passa ai contenuti principali

Moontears


Signori, è con grande onore che annuncio al mondo la mia entrata ufficiale, poche settimane fa, nel gruppo dei Moontears.

Credo possa considerarsi un evento storico: sono la prima donna a mettervi piede.

È stata dura, lo ammetto. Ho dovuto subire angherie, insulti, parole pesanti, soprattutto dal fantomatico Idiota o Supersola, la spalla del Cazzeggiatore... ma alla fine ce l'ho fatta, sono stata accettata!

Certo, ormai dico solo parolacce, offendo i mostri con fattezze femminili tramite appellativi maschilisti, parlo di me al maschile, fumo come un camionista (ah, no questo già lo facevo). In pratica Urano, il mio piccolo uomo che è dentro di me, sta prendendo il sopravvento.

Commenti

  1. ero qui... e non facevo niente... allora ho pensato di controlalre se la serie numerologica aveva raggiunto il TRE.

    Invece trovo due cose pericolossisime: Il link a Silverland e il post sui Moontears.


    Il 1o mi ha condotto ad una terribile esplosione di ilaritá come non accadeva dai tempi del liceo di fronte a Kolosimo ("non é terrestre")...
    Avete presente quando devi assolutamente ridere ma non puoi farlo e ti arrovelli sul banco cercando di nascondert dal prof e dai tuoi compagni che setivedonocheseiindifficoltáalloratifannoridere apposta?
    Ebbene questo é quello che mi é successo leggendo la storia dei Bestemmiatori su Silverland.

    Il 2ndo mi pone l'inquietante interrogativo... dovrei dirglielo che non é la prima donna storicamente nei Moontears? Ci ho riflettuto e per non offendere la sua spiccata sensibilitá ho deciso di non dirglielo.

    Grazie proprio.
    PS per quanti se lo chiedessero, ho quasi risolto quel mio problema che penso ad alta voce, ora riesco a pensare senza vocalzzare i miei pensieri intimi e personali (cosa che tante volte mi ha reso protagonista di brutte figure). Purché li metta per iscritto.

    RispondiElimina
  2. Nooooooooooooooooooo!!!! Lo voglio sapere!!! Ecco vedi? Sono l'eterna seconda... che destino crudele.

    PS. Caro G2 dopo 1 e 2 ci sarà un 3, ma poi scriverai anche un tuo pensierino su questo?

    RispondiElimina
  3. Però cara Elisuia (perchè così io ti chiamo quando mi rivolgo alla tua parte nerd) in fondo sei la prima ragazza dei Moontears italiana, la prima del Clan Moontears Gaming, la prima su STEAM e potrei continuare per ore. Come al solito è tutto una questione di punti di vista... ora ricarica quel dannato fucile a pompa e spara piombo come non vi fosse un domani... they're coming!

    RispondiElimina
  4. Vedo che già mi hanno anticipato e mi privano del sottile gusto della delusione...Cara la mia bambi, perché è così che io amo chiamarti, volevo solo ribadire il concetto... NON SEI LA PRIMA DONNA DEI MOONTEARS!!! :-P Con affetto... Terror Bromon, Ungrimm, Nazi smurf, talibans leader, romeno godranetti...Potrei ancora andare avanti...scegli tu!

    RispondiElimina
  5. Vabbè mi ero scordata! Chi era, la Signora moglie? Caro Morenito, perché così amo chiamarti, è inutile che continui ad insultarmi, mettendoti questa maschera per nascondere i tuoi veri sentimenti! Muahahahahahah!
    Il problema del fucile a pompa è che mi va troppo a scatti (evitiamo di fare facili battute)... Voi Sapete Chi, vuole comprare un altro pc

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…