Passa ai contenuti principali

texas hold'em mon amour


Rimpatriata tra vecchi amici supereroi al tavolo verde. Il camino è spento e sporco di cenere, Spocchiaman e Spocchiagirl rimarranno senza cena questa sera. Spocchiagirl è incazzata, ma sa benissimo anche lei che quella fottuta fonderia doveva essere bonificata!

Arrivano Minfri, la strega, spossata e orripilata, costretta tutti i giorni a sorbirsi l'ilarità insensata di chi guarda programmi comici che, obiettivamente, non fanno ridere; Il Villano, attaccato da un morbo di maniacità compulsiva per le carte da gioco al ritorno da una missione segreta; il Diabolik de no' antri, affetto da perdite di memoria ogni volta che gli viene ricordato di riprendersi il suo cappelletto della Roma...

Arrivano, in ritardo ovviamente, gli Sbrufonidi, ovvero Brugnaman e compagna. Il virus mutante che ha colpito Brugnaman è stato sconfitto, ma il trauma ha segnato profondamente la sua compagna che non ricorda più le regole del gioco.
- Sei bianco in faccia. - gli dice Minfri.
- Sto benissimo. - risponde secco e quasi sputa per terra.

Scende il silenzio quando arriva l'Abominevole Uomo Scoordinato, l'acerrimo nemico dell'Incredibile Donna Maldestra (una delle tante personalità di Spocchiagirl). Ma i tempi sono cambiati, questo mondo fa schifo, i supereroi guardati con odio e ribrezzo: ormai i supercattivi in borghese salutano i supereroi come colleghi.

La partita inizia in sordina, carte buone neanche l'ombra. Puzzano di sigarette e birra come barboni. Qualcuno inizia a puntare forte, altri continuano a bussare sul tavolino.
- A Minfri j'ha fedatu 'u porcu!- grida Brugnaman - Buahahahahahahahahah!!!!-
Lo guardano scioccati, tranne la stessa Minfri. Capisce che tra quel delirio, è la veggenza del supereroe che parla... ma, per scrupolo, non si fida e folda. Sbagliando.

- Check.-
- Busso.-
Toc, toc
- Segue.-
- Chip!!-
..................
Cos'è chip? Guardano tutti Brugnaman, scuotono la testa! Cazzo, è veramente bruciato. Nessuno gli dice che chip non significa niente finché, alla fine, Spocchiaman, esaurito da quella confusione di termini - Check! Check! Check! Si dice cheeeeeeeeeeeeeeeck!- urla. Si passa una mano sulla faccia, è stanco. Va all in. Perde come un pollastro.

L'angolo dei perdenti si infittisce. Non parlano più tra di loro. Guardano la stessa puntata di Dr. House all'infinito.

Al tavolo sono rimasti in 2. Vince il cattivo. Questa è la sua rivincita. Si fa il bagno nelle fiches.
La Lega dei Supereroi è stata sconfitta.

Commenti

  1. il Cazeggiatore!17 novembre 2009 12:52

    ancora! ancora!!!

    RispondiElimina
  2. Caro Cazzeggiatore, per averne ancora bisogna aspettare altre serate memorabili. Aspetto con ansia una puntata dove compari tu!

    RispondiElimina
  3. Texas Hold'em...Bleah! Noi, i veri supereroi, non abbiamo tempo per queste fanciulle fandonie...Abbiamo un mondo da salvare, occhiali psicadelici da indossare, bottiglie da svuotare per impedire che altri sciocchi comuni mortali vengano infettati dall'alcool...Per cui lasciamo a voi questi vizi da infanti...Addio...Il cazzeggiatore richiede aiuto!

    RispondiElimina
  4. the unamed woman21 novembre 2009 11:01

    Già già, i veri supereroi nn si abbassano a certe serate standard...Solo noi gente senza nome o con identità ricevute in funzione di qualcun'altro ci rientriamo e visti gli scarsi risultati oserei dire:"per fortuna"...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…