Il suggeritore

19 gennaio 2010


In 6-7 ore ho finito di leggere questo libro di 468 pagine. È che non sono riuscita ad andare a dormire senza conoscerne il finale. Ebbene sì, la curiosità mi ha divorato. Non mi è successo spesso, negli ultimi tempi.

Allora, in primis il ragazzo sa scrivere. Sì, certo, è vero, alcune situazioni rasentano l'assurdo, troppi colpi di scena uno dietro l'altro, un male sempre maggiore... però funziona!

Donato Carrisi con Jeffrey Deaver alla Fiera del Libro di Torino 2009,
siamo andati a sentire la conferenza per puro caso: il famosissimo J. Deaver non l'avevo mai sentito nominare!


Credo che la bravura di Carrisi sia stata proprio quella di aver saputo miscelare tutti questi elementi (a livello stilistico e di trama, intendo), di farli scorrere uno dietro l'altro in modo sapiente per far nascere nel lettore il bisogno di andare avanti, ma, nello stesso momento, lasciando una sorta di tregua che non è altro che il tempo per riprendere fiato.

Moooolto meglio di Stieg Larsson!! Insomma, se vi piacciono i gialli, o meglio i thriller all'americana dovete assolutamente leggerlo. Non aspettatevi chissà quale profondità di pensiero, ma appena inizi, lo devi finire. Parola mia.




2 commenti:

Anonimo ha detto...

io c'ho messo di più! ma me lo sono gustato la notte.. e nei piccoli periodi di pausa... che oramai sono sempre più grandi...

un bel libro! ed io che alla fine avevo capito quasi tutto...

piccola critica non è innovativo dato che mi seguo tutte le serie di "Celosai" e vari film horror-thriller e affini...

Pollo

Fedasile ha detto...

No, non è innovativo ma funziona.

Posta un commento

Blog contents © La Lega dei Supereroi 2010. Blogger Theme by Nymphont.