Passa ai contenuti principali

Mia sorella è una capra matta

Questo sarà un post più o meno serio. Sento di avere delle responsabilità. Il succo e il centro del discorso è: LA SCUOLA PUBBLICA ITALIANA FA SCHIFO.

Voi, trentenni e quarantenni che leggete, presumo che a 10 anni, cioè in quinta elementare, sapevate cos'era l'olocausto; sempre voi che leggete, presumo che alla veneranda età di 14 anni, cioè in terza media, avevate incontrato più e più volte i termini olocausto appunto, terzo reich, antisemitismo, giudaismo... tutto questo per dire che ieri ho passato alcune ore a discutere con la mia sorella più piccola quattordicenne di alcune cosette.

Ora, il fatto è che Spocchiagirl certe cose non può accettarle assolutamente, per cui la piccola Filomena non gliene vorrà se sua sorella la prenderà come esempio per descrivere una generale e intollerabile ignoranza e incultura diffusa soprattutto tra i giovanissimi.

A una ragazzina di 14 anni, la sottoscritta ha dovuto spiegare cos'era l'olocausto, chi era Hitler, cos'era il nazismo!! Ma non è finita qui. Infatti, pur aiutandomi con Wikipedia (e allo stesso tempo mettendola in guardia: "Guarda che, a volte, succede che le informazioni che trovi qui non siano del tutto corrette!") e internet, mi sono ritrovata a dover spiegare il significato di intere frasi perché non conosceva alcuni termini. Il fondo è arrivato quando ha visto una foto di Hitler e Mussolini e ho capito che manco mai in televisione l'aveva visto!!! In compenso, mi ha chiesto chi era 'sto Che Guevara che vedeva disegnato dappertutto.

Adesso voi direte, vabbè, ma se tua sorella è una capra ignorante, con chi te la vuoi riprendere? Vi assicuro che Filomena si trova esattamente nella media... questo significa che c'è di meglio, ma, purtroppo, c'è anche tanto tanto di peggio. Basta vedere Facebook. Lasciamo stare tutte le varie storpiature di parole, le C che diventano K etc, ma questi ragazzini l'H non la usano più, l'hanno abolita dall'alfabeto!

Voi avete idea dei nuovi programmi ministeriali che si usano, o almeno si usavano, alle elementari? Lo sapevate che i temi non si fanno più? È roba superata. E ora faccio una domanda anche a voi trentenni/quarantenni: avete mai aperto, letto e studiato un libro di matematica durante la scuola dell'obbligo? Io sono stata fortunata, perchè alle medie ho avuto un professore rompiballe, antipatico e sgradevole, ma che aveva un metodo infallibile. Io con lui la matematica l'ho capita per la prima volta in vita mia, ma la cosa importante era che mi aveva aiutato ad imparare un metodo: leggere il libro, perché i libri di matematica sono quanto di più accurato esista, e, per capire, basta leggere!!

Ma torniamo un attimo indietro. Io ricordo che in prima elementare, se al secondo semestre non sapevi leggere correttamente, eri rimproverato aspramente; ricordo che in terza elementare fui mortificata davanti a tutti perché la mia maestra mi sorprese a contare con i colori (ancora me ne vergogno, ma questo è un problema mio!). Ricordo che anche con due maestre (poi ne sono arrivate 3) si era molto seguiti.

Non voglio fare la solita vecchia che ripete: "Ah, ai miei tempi era tutta un'altra cosa!", non voglio nemmeno dire Sui giovani d'oggi ci scatarro su, come dice una nota canzone, ma:
- Ciao Filo, che avete fatto oggi a scuola?
- La mia maestra preferita ci ha spiegato le extencion e la french manicure.

Capito, no?

Fosse stato per me, l'avrei tolta da scuola e fatta studiare a casa. Ma non si può, i bambini hanno bisogno di socializzare, di integrarsi... e di diventare un branco di persone ignoranti che veste allo stesso modo, non-pensa allo stesso modo, si comporta allo stesso modo.

Io alle medie, per compito, guardavo 4 telegiornali per sera, perché mi dovevo accorgere delle differenze, dovevo cominciare ad usare spirito critico e cervello, leggevo i gialli e Piccole Donne (per Filomena: io sono Jo e non Meg, e il Principesso degli Abissi non potrà mai essere Beth!), ma mi consigliavano di leggere La ragazza di Bube, Se questo è un uomo, Ragazzo negro...

Commenti

  1. E per migliorare le cose adesso toglieremo anche la geografia, perché non succedesse mai che qualcuno si renda conto di dove si trova...Comunque dopo aver ascoltato da un maturando che il Presidente del Consiglio prima del primo, -perdonate il giro di parole- governo Berlusconi era Cragnotti, niente mi sconvolge più. Comunque non posso che concordare...Stiamo raggiungendo dei livelli di ignoranza drammatici.

    RispondiElimina
  2. Sono stato imbeccato a scrivere qui..
    allora premettendo che ho smesso di leggere libri dopo aver letto la ragazza di Bube!
    direi che il massimo si è raggiunto quando è emerso, anche sui giornali, che la maggioranza "dei nostri ragazzi" non sa il perchè si alternano luce e buio durante il giorno!!!! (cose che si capiva anche dal cartone di Pollon ndR)...
    concludo con un aforisma di un certo Albert E.
    "ci sono solo due cose infinite in questo mondo l'universo e la stupidità.. e non sono molto sicuro sulla prima"

    p.s. spocchiagril sono "Pollo" è il mio nome d'arte

    RispondiElimina
  3. Ci meravigliamo dei Bambini? La verità è che l'"Ignoranzità" è ovunque, dilaga e corrompe tutte le classi della società. Una volta se dicevi "a me mi" ti aspettavano le orecchie d'asino e una pubblica umiliazione, adesso si bestemmia allegramente in TV ( tutti restano scandalizzati, ma come si dice "che se ne parli bene o che se ne parli male, l'importante è parlarne). Ci sono ragazzi ( parlo di medie eh..) che pensano che gli asceti siamo "portatori di asce"!! Al liceo è più facile sapere chi è entrato alla casa del Grande Fratello, come si chiama, da dove viene e come si chiama la nonna, piuttosto che conoscere Moliére o Shakespeare! MA se sono così capre, così ignoranti non è colpa loro. E' colpa della scuola italiana che per avvicinarsi, per OMOLOGARSI ( bella questa parola e mai come in questo argomento più azzeccata...) alle scuole europee si sta rovinando: dalle elementari alle università! La meglio gioventù intellettualmente buttata nel cesso! Compliementoni a tutti!

    giusto per farci quattro risate: se i ragazzi stanno così, dei politici allora che dobbiamo dire?

    www.youtube.com/whatch?v=IPSyz5KVSiU

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…