Passa ai contenuti principali

La principessa del Malawi



Diciamo la verità, io non ho un piccolo uomo dentro di me che si chiama Urano. Dentro di me ho una piccola donna di nome Jo che non vede l'ora di urlare "Cristoforo Colombo!".

Ogni tanto divento femmina, come dice il Diabolik de' noantri, ma sono sprazzi di lucidità che durano poco, purtroppo.

In effetti non ho la pazienza di passare quelle due/tre ore al giorno a prendermi cura del mio corpo. La vita di un supereroe, del resto, non è mica stare a smacchiare leopardi! Per carità, si vede: le mie sopracciglia cespugliose, che "fra poco si uniranno all'attaccatura dei capelli", come dice sempre Colui Che Non Deve Essere Nominato, i capelli gonfi di quando ti svegli all'ultimo minuto e non hai tempo di sistemarli e il guardaroba di una sessantenne, mi fanno sempre scuotere il capo davanti lo specchio.

Ma (perché c'è un ma), a dare man forte è arrivata la Principessa del Malawi. Credo proprio che tra La Lega dei Supereroi e il Diario di una mente cattiva, si stabilirà molto presto un legame di "rubriche".

Il primo consiglio: volete truccare gli occhi? Usate il primer. In realtà il primer lo potete usare su tutto il viso. Cioè, aspettate, non è finita qui: il concetto è che prima di sporcarvi la faccia, dovete intrugliarvela con altre cose. Vi spiego bene.

BASE PER TRUCCO

1. Allora, prima di tutto sulla pelle del viso va steso un velo di crema idratante, quella che usate e che fa per voi.

2. Adesso andrebbe applicato il primer (noi useremo questo, ché abbiamo dei campionicini): il primer distende le piccole rughe intorno agli occhi, evita che il trucco degli occhi coli o si appiccichi in zone improbabili sopra la palpebra e pare che restringa i pori, faccia effetto "Photoshop", insomma dovrebbe far miracoli!!! Quindi, non rimaneteci troppo male se quello che succede è solo un decimo di quello che promettono.

3. A questo punto dovete mettere correttore e fondotinta nell'ordine che preferite, e infine un po' di cipria per tenere.

Alla prossima incursione.

Commenti

  1. Il legame di rubriche è stato creato con successo!
    Al prossimo consiglio fashion, come diventeremo noi del resto... tu sei già sulla buona strada!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…