L'ospite

2 marzo 2010


Titolo: Ah, che furbetta la Meyer (o il suo editor), che deve ricordare i vampiri per forza e che ci porta subito a pensare al racconto di Bram Stoker L'ospite di Dracula.

dedica: principio di diabete

pagg. 1-3: ma che cosa avrà voluto dire???!!!

pagg. 3-100: entusiasmo. Niente vampiri!! Sempre più furba per il titolo... Ok, ha avuto un'idea geniale. Certo, non si è inventata niente, è uno dei temi principi della fantascienza, però è veramente inquietante.

pagg. 100-250: mmmmmmmmmmmmm

pagg. 250-500: eccolo il diabete, la banalità, le solite cose... che peccato. Almeno qui non ci sono vampiri "sbrillucicosi", ma solo una torma di maschi arrapati fatti con lo stampo e, inspiegabilmente, tutti attratti dalla protagonista. Tra l'altro non si può buttare nel cesso così questo personaggio e togliergli tutta la dignità dell'inizio!!!

pagg. 500-569: Ma dai?! Non avrei mai potuto immaginare che potesse finire così!!! Che sopresa... (sto usando dell'ironia!).

3 commenti:

  1. "emmmò" tocca leggeselo!!!
    che io non farò perchè non so leggere sui libri di carta

    pollo

    RispondiElimina
  2. Sacrilegio!!!!!! Ma scusa, ma sono sempre esistiti i libri di carta...

    RispondiElimina
  3. eh si ma io ho sviluppato una sorta di... come dire... di effetto "si si dopo dopo" sarà che mi hanno costretto a leggere la ragazza di Bube alle medie...

    pollo

    RispondiElimina

 
FREE BLOGGER TEMPLATE BY DESIGNER BLOGS