Alice

9 aprile 2010


Credo che il problema principale sia stata la sceneggiatura:

- Alice!-
- Brucaliffo!-
- Alice-
- Cappellaio!-
- Alice!-

seguita a ruota da una trama che a me è sembrata totalmente piatta e priva di stimoli. Non so, per farvi capire, è come se vi raccontassero la storia di Cappuccetto Rosso così:
Allora, c'è una ragazzina che deve portare la focaccia alla nonna malata. La mamma le raccomanda di non passare per il bosco, ma lei invece lo fa comunque e incontra il lupo che le fa fare la strada più lunga. Il lupo cattivo corre dalla nonna di Cappuccetto, se la pappa e rimane ad aspettare la bimba per poi papparsi anche lei. Poi arriva un cacciatore, ammazza il lupo e libera nonna e nipote.
Ma poi dov'è Tim Burton?? Nella fotografia? Un po' poco direi. E poi vogliamo parlare di Johnny Deep, sempre più uguale (tra l'altro qui in una delle scene più pietose che abbia mai girato!)? E il Gatto del Cheshire che sbuca a caso (è un eufemismo) nelle scene più impensabili?

La cosa che mi è rimasta più impressa è, senza dubbio, l'armatura di Alice. E dico tutto.

6 commenti:

  1. oh, ma non te piace niente....

    RispondiElimina
  2. Oddio...fa proprio schifo allora!

    RispondiElimina
  3. Non è che fa proprio schifo, lo reputo mediocre. Poi, i gusti so' gusti.

    RispondiElimina
  4. no ma come!?!?! alice 2 il ritorno!...

    pollo

    RispondiElimina
  5. Il termine merda ormai è inflazionato, bisognerà inventarne un altro...Poi insegnare a Tim Burton a fare il regista e lo sceneggiatore, a Johnny Depp a recitare ecc ecc...Bah...

    RispondiElimina
  6. Nessuno vuole insegnare niente a nessuno, tanto meno a dei professionisti che lo fanno di lavoro. Ma credo sia abbastanza lampante la qualità inferiore di questo lavoro rispetto ad altre opere degli stessi, ad esempio.

    RispondiElimina

 
FREE BLOGGER TEMPLATE BY DESIGNER BLOGS