Passa ai contenuti principali

Leggende metropolitane


In un mondo oscuro, dove i valori di un tempo sono perduti e il genio dell'umanità è disperso e corrotto, anche il Male (rigorosamente maiuscolo) è costretto a fronteggiare il nuovo pericolo. Fu in questi tempi di disperazione e cordoglio che nacque la Grande Alleanza tra Supereroi e Supercattivi.

Nicotina si alzò a vessillo dell'Alleanza, i suoi grandi poteri da taumaturgo, sconosciuti fino ad allora, risollevarono le sorti della Lega che, nello scontro finale, temeva di perdere alcuni dei suoi più valorosi elementi.

Nel sesto lustro del cammin di nostra vita, la Grande Alleanza marciò compatta per sconfiggere lo Spirito di Fuoco. Grandi erano i poteri del nemico, e grande la sua diffusione tra le terre del mondo. Il suo alito nefando seccava i cervelli e le bocche, rendendo la pelle color del cadavere, le lingue penzolavano viola, lo sguardo perso nel vuoto.

Lo scontro cominciò in sordina, servitori dello Spirito erano Empia Mistura e Venefico Assaggio che poco poterono contro il vigore dell'Alleanza. Ma Iron Woman percepì da lontano la grande forza che li attacava e vacillò. Chiamò il suo compagno tra il fragore del ferro e lo Scacciafemmine arrivò, la spada nera luccicava al suo fianco, grondante sangue di oste fellone: si preparavano allo scontro finale.

The Mayor intuì e chiamò a raccolta l'Alleanza, gridò di tenersi pronti e saldi. In prima linea Spocchiagirl, Spocchiaman e Il Cazzaggiatore. In pieno l'alito nefando li travolse scaraventandoli a terra; Nicotina, dietro di loro, incassò il colpo e si piegò sulle ginocchia, Gaffes-girl impazzì vedendo le prime linee a terra; un gelo che arrivava fin dentro le ossa si abbattè su Brugnaman e La Principessa del Malawi.

Ma il grande nemico aveva perso tutti i suoi servitori, il suo sforzo era stato troppo gravoso e fuggì, tra le lande deserte, trascinandosi dietro l'ultima feccia della sua marmaglia.

Il campo era sgombro, i nemici in fuga, la Grande Alleanza vincitrice sullo Spirito di Fuoco. Ma solo La Mente Cattiva si ergeva solitaria e immune all'alito pestilenziale.

Ma quando ogni speranza sembrava ormai svanita, dalle ombre emersero La Regina dei Doppi Sensi e il Monatto, e mai prima di allora ci fu nome più adatto al suo compito. I cuori dei coscienti si riempirono di forza e volontà. Le vittime dell'alito nefando vennero allontanate a spalla dal campo di battaglia.

Nicotina caricò i suoi acerrimi nemici di un tempo, sul suo carro trainato da 80 cavalli (circa), impose le sue mani su di loro e un fluido pestifero ammorbò l'aria, ma il peggio era passato: Spocchiaman aveva ritrovato la favella, inveiva contro il mondo e giurava amore eterno a Spocchiagirl, la quale guardava il mondo da un oblò e contava il tempo a multipli di 20, mentre, finalmente, Il Cazzeggiatore prorompeva in una grossa, grassa risata.

Commenti

  1. Nelle leggende metropolitane di solito c'è un filo di verità...
    Gli eroi descritti nelle leggende sono sempre senza macchia e paura mentre nella realtà le macchie le hanno... sulle scarpe, sui vestiti... sulla cravatta, nella macchina.

    Lode a Nicotina.

    RispondiElimina
  2. Lo Scacciafemmine15 aprile 2010 20:24

    Dura ed eterna sara' la lotta contro l'invincibile Spirito del Fuoco.

    RispondiElimina
  3. Secondo me v'è rimasto da davve fuoco...E lo Spirito va bene è un ottimo combustibile.

    RispondiElimina
  4. NICO-RISCOSSIONI S.r.l.17 aprile 2010 11:53

    Bellissima storia!
    Davvero coinvolgente. Devo però riportare l'epica atmosfera a più terreni e banali ambiti.
    Il così chiamato "Spirito di Fuoco" è molto resistente, benchè l'azione di Nicotina abbia avuto effetto benefico sui suoi compagni, purtroppo non possiamo affermare lo stesso dei suoi cavalli.
    Questi ultimi infatti, pur essendo immuni alla corruzione psichica dello Spirito, sono rimasti indelebilmente macchiati dal suo fetore. Tanto che Nicotina ha dovuto assoldare un Pulitore del regno di Fornos affinchè potesse riportarli alle loro originali condizioni.
    Sono quì a chiedere per conto di colui che a ragione viene indicato come salvatore una piccola riconoscenza a saldare il conto del Pulitore.
    (60 euri con fattura)
    Sicuro di una vostra fattiva collaborazione vi ringrazio sin d'ora.

    Nico-Riscossioni S.r.l.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…