Passa ai contenuti principali

Situazioni contingenti e percezione delle cose


Sentimenti e pensieri negativi potrebbero distorcere la realtà? Siamo animali, mica funghi, come direbbe Voi Sapete Chi. Ovviamente è una domanda retorica, ma ci ho pensato solo ultimamente visto che trovo tutto brutto. Bella scoperta, sento che sta già dicendo qualcuno... cioè molti...

Il fatto è che quando si precipita nell'Abisso Depressivo che si incontra ogni tanto nel Deserto dello Sconforto, si hanno due reazioni: calma piatta (cioè fondamentalmente incredibile e incontenibile apatia, anche emotiva) o sensazione iper-amplificate.

Voglio dire, piangere per 30 minuti consecutivi mentre il vostro amico in chat vi parla del monologo di Amleto, non è normale. Come non è normale dirglielo.

Fare questo per Mr. Darcy (Mr. Darcy c'est moi!) e sentire il bisogno impellente di rileggere Orgoglio e Pregiudizio, o vedere film strappalacrime di fantascienza è degno del miglior stereotipo sulle femmine!

Accennare appena un sorriso su Clerks II e ammazzarsi di risate vedendo questo, non è da me! O forse sì? Oh Dio, non lo so davvero!

Che siano solo scompensi ormonali?

In tutto questo ho letto La Cattedrale del mare e, nonostante alcuni mi avessero parlato bene di questo romanzo, non mi è piaciuto... vi prevengo, lo dico io: "E te pareva!". L'ho trovato freddo, poco romanzo, i personaggi stanno lì, fermi, neanche ci si riesce ad affezionarsi al protagonsta. Bohhhhh!

Ma potrebbe essere solo frutto della mia mente... del resto l'ammiraglio Nelson non esiste, è il frutto della tua mente malata, Henry!


Commenti

  1. Come può piacerti qualcosa se usi sto genio come avatar...

    RispondiElimina
  2. Si tratta di un messaggio subliminale!

    RispondiElimina
  3. Come ben sai ho deciso di non commentare ne dire più niente per quanto concerne libri, musica e affini (tecnicamente ovviamente, i gusti poi ognuno c'ha i suoi), ma sul cartone animato più strappamaroni della storia, e sul personaggio più idiota del cartone, mi piace tirare un po' di merda gratuita...Tanto per far infuriare i miei amici fans accaniti...

    RispondiElimina
  4. E pensa che io ho il problema opposto... sto sempre a trovare del buono in tutto. La Cattedrale del Mare, poi mi è tranquillamente piaciuto. Non è un capolavoro, ma sono riuscito ad affezionarmi sia al personaggio che alla città. Storicamente non saprei valutarlo, non ho più studiato storia da quel giorno in cui la mia prof...
    Comunque avendo un collega che mi tartassa con teorie economico e politiche dei giorni nostri, sono riuscito a vedere in quel libro anche uno spaccato dell'economia delle banche, sebbene gli ebrei nel libro vengano visti sotto un altro aspetto mi sembra ben reso tutto il problema e l'influenza economico-politica che avevano su Re e Stati.
    Basta sono andato completamente fuori tema.
    Se posso tranquillizzarti piangere di fronte ad una musica, una poesia o qualsiasi altra forma d'arte è abbastanza normale.

    Evangelion rimane un capolavoro. "Ti piace di più così?" che si sente negli episodi finali alternativi è la frase che riassume e stigmatizza tutta la polemica bello o brutto.
    PS: grazie per la segnalazione sui NON-commenti ;)

    RispondiElimina
  5. Se dici un'altra parola sul libro ti ammazzo visto che lo devo ancora leggere...E proprio te aspettavo...EVANGELION FA SCHIFO!!!!SCHIFO SCHIFO SCHIFO!!! :-D

    RispondiElimina
  6. ARGH! mea culpa. Ti devo una pinza.
    Non ho pensato allo spoiler warning.

    Su Evangelion rinuncio... sarebbe molto più grave se mi schifassi i Nirvana :)
    (Comunque 'spettame che mò arivo!)

    RispondiElimina
  7. HAHAHAHAHAHAH All'attacco............
    Evangelio e' MERDA fritta ma a voi piace la merda fritta.
    Per quanto riguarda il libro: Eli' sei senza speranze, ma forse io oggi ho trovato la fonte dei tuoi problemi e anche la cura sei pronta
    La fonte: LEGGI TROPPO
    La cura: NON LEGGERE PIU' UN LIBRO PER UN ANNO, POI PRENDI IL ROMANZO PIU' BRUTTO DI MOCCIA E VEDRAI CHE LO TROVERAI BELLISSIMO.

    RispondiElimina
  8. Devo dire una cosa: ti adoro per questo!

    RispondiElimina
  9. Mi dispiace per te caro G2 ma i Nirvana mi fanno più schifo di Evangelion!!! Avanti Silvano!!! No li problema di Elisa è che lei è troppo spocchiosa!!!Le fa tutto schifo e tutto è merda, normale amministrazione!

    RispondiElimina
  10. Terror lo sapevo, rimetteró la felpa di Nevermind per te.
    Alukard, ne riparliamo quando avrai imparato a distinguere la merda dalla cioccolata.

    RispondiElimina
  11. Giusto!!! Credo che comincero' dalle mie frequentazioni :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…