Leviathan

20 giugno 2010


Europa 1914.

"La guerra sta per iniziare. Sei cigolante o darwinista?"

"... nelle vostre macchine da guerra mettete benzina o le nutrite con cibo?"

È un'Europa nel 1914 un po' rivisitata, come dice l'autore "Leviathan è un romanzo di storia alternativa".

Prima di tutto è un romanzo per ragazzi. Purtroppo. Dico purtroppo perché l'ambientazione mi è piaciuta subito, però, a livello di trama e stile, è tutto un po' troppo semplice. Penso sempre, cosa sarebbe potuto uscire fuori se Dante (dove Dante è un'iperbole, attenzione) avesse avuto questa stessa idea? Sicuramente ci avrebbe spiegato meglio la filosofia dietro "le bestie senza Dio" dei darwinisti, e avrebbe risolto problemi imbarazzanti riguardo al funzionamento degli stessi.



I bambini o i ragazzini non si fanno troppe domande. Ed è pure giusto, fino a un certo punto ovviamente. Ma certo è abbastanza difficile, per dire, immedesimarsi nei protagonisti o affezionarsi a qualcuno dei personaggi considerando che non sono altro che stereotipi.

Una considerazione sull'edizione Einaudi (che da poco pubblica romanzi di genere). Quando ho preso in mano il libro ancora imballato ho pensato che la copertina dai riflessi metallici fosse di metallo davvero! Pesa per via della carta usata, quella lucida piena di colla. E ci sono anche le illustrazioni di Keith Thompson. E costa 40 mila lire... lo dico in lire che rende di più!



E comunque, secondo me, qualcuno ha ispirato l'illustratore e l'autore. Guardate bene i disegni e pensate ai darwinisti... chi vi ricordano?

3 commenti:

Mamma_volipindarici ha detto...

Ciao,
posto il commento qua perchè non saprei in quale altro spazio inserirlo.

Ho scoperto questo blog da poco, pochissimo

E' raro trovare persone intelligenti e interessanti

Grazie per la boccata di aria fresca e sana che offri

Ti seguo con grande piacere

Ciao

G2 ha detto...

Nausicaa con l'umlaut!

Fedasile ha detto...

Grazie Mamma!
Per G2: vero?

Posta un commento

Blog contents © La Lega dei Supereroi 2010. Blogger Theme by Nymphont.