Passa ai contenuti principali

Leviathan


Europa 1914.

"La guerra sta per iniziare. Sei cigolante o darwinista?"

"... nelle vostre macchine da guerra mettete benzina o le nutrite con cibo?"

È un'Europa nel 1914 un po' rivisitata, come dice l'autore "Leviathan è un romanzo di storia alternativa".

Prima di tutto è un romanzo per ragazzi. Purtroppo. Dico purtroppo perché l'ambientazione mi è piaciuta subito, però, a livello di trama e stile, è tutto un po' troppo semplice. Penso sempre, cosa sarebbe potuto uscire fuori se Dante (dove Dante è un'iperbole, attenzione) avesse avuto questa stessa idea? Sicuramente ci avrebbe spiegato meglio la filosofia dietro "le bestie senza Dio" dei darwinisti, e avrebbe risolto problemi imbarazzanti riguardo al funzionamento degli stessi.



I bambini o i ragazzini non si fanno troppe domande. Ed è pure giusto, fino a un certo punto ovviamente. Ma certo è abbastanza difficile, per dire, immedesimarsi nei protagonisti o affezionarsi a qualcuno dei personaggi considerando che non sono altro che stereotipi.

Una considerazione sull'edizione Einaudi (che da poco pubblica romanzi di genere). Quando ho preso in mano il libro ancora imballato ho pensato che la copertina dai riflessi metallici fosse di metallo davvero! Pesa per via della carta usata, quella lucida piena di colla. E ci sono anche le illustrazioni di Keith Thompson. E costa 40 mila lire... lo dico in lire che rende di più!



E comunque, secondo me, qualcuno ha ispirato l'illustratore e l'autore. Guardate bene i disegni e pensate ai darwinisti... chi vi ricordano?

Commenti

  1. Ciao,
    posto il commento qua perchè non saprei in quale altro spazio inserirlo.

    Ho scoperto questo blog da poco, pochissimo

    E' raro trovare persone intelligenti e interessanti

    Grazie per la boccata di aria fresca e sana che offri

    Ti seguo con grande piacere

    Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…