Oblivion ovvero oblio

30 giugno 2010


Lettera aperta al Signore Oscuro

Volevo ringraziarti. Grazie, grazie davvero per avermi buttato nella fossa dei leoni con l'inganno.

Mi hai fatto diventare una maga guerriera con le orecchie a punta e la pelle verdognola, ma era ancora troppo poco. Infatti, nelle mie peregrinazioni in un mondo pericolosissimo, mi sono beccata ben tre malattie (nelle prime orette della mia nuova vita) e una di queste, l'emofilia porfirica, mi ha fatto diventare un bel vampiro. Adesso mi tocca bere il sangue dei barboni buttati a dormire dietro le cattedrali, e gridare come un'ossessa quando vedo il sole.

Morrowind era un tabù, il gioco è rimasto imballato per puro timore, comprato per fare colore o per ricordarti dallo scaffale di non fare mai più lo stesso errore. Tu. Ma spingere subdolamente qualcun'altro a farlo è stato fin troppo facile.

E adesso stiamo lì, come 2 allocchi, a tentare di scassinare porte e scrigni, mentre entra il Mistificatore e se ne va sconsolato e incredulo "Ciao, ciao", dice, visto che non stacco il dito da quella cavolo di C.

P.S. Sì, lo so, hai ragione: in realtà il vero istigatore è stato Alukard!!!!

P.P.S. Visto che le disgrazie altrui fanno ridere: l'altra notte ho sognato che mi ricordavo di dover dare delle informazioni al Villano. Dovevo cercare delle carte alla sala... e la sala era diventato un dungeon!


1 commento:

  1. Non riesco a commentare con parole mie.
    Sentitevi

    "Siete Proprio dei Pulcini"

    degli afterhours.
    Non so perchè ma ha iniziato a ronzarmi nelle orecchie subito dopo aver letto il post.

    RispondiElimina

 
FREE BLOGGER TEMPLATE BY DESIGNER BLOGS