Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2010

Il nome del vento

Ho sottratto principesse a re dormienti nei tumuli. Ho ridotto in cenere la città di Trebon. Ho passato la notte con Felurian e me ne sono andato sia con la vita, sia con la sanità mentale. Sono stato espulso dall’Accademia a un’età inferiore a quella in cui la maggior parte della gente viene ammessa. Ho percorso alla luce della luna sentieri di cui altri temono di parlare durante il giorno. Ho parlato a dèi, amato donne e scritto canzoni che fanno commuovere i menestrelli. Potresti aver sentito parlare di me. Bella quarta di copertina. Sa di epico. Non così la copertina...

Se c'è una cosa che mi ha stupito veramente, e favorevolmente, è l'alto livello di substrato culturale, chiamiamolo così, che emerge dal libro... come al solito ho bisogno di dare spiegazioni, di autotradurmi. Inizio con alcuni esempi.

Si parla di musica, recitazione, canto, fisica, psicologia, chimica, sempre con cognizione di causa, ma, cosa fondamentale, mai con pedanteria o intento didascalico. Raccontare …

... te ne saremo eternamente grati

Diciamo la verità: Toy Story 3 ci ha commosso... magari non è l'aspetto più rilevante del film, ma per abbattere ben 6 supereroi contemporaneamente ce ne vuole!

Prima di tutto, per chi ancora deve vederlo, un consiglio: il 3D è assolutamente irrilevante.

Poi volevo chiarire 2 punti fondamentali. Il primo riguarda l'ancestrale e atavico odio per la Disney. Che ancora devo capire. Mi spiego meglio: si sa, che un certo tipo di persone e personalità moderne, alternative e intelletual(oid)i schifano il marchio Disney come una cosa cattiva e ingiusta. Non piace perché è una multinazionale, sono pieni di soldi e troppo potenti, di conseguenza i loro lavori sono merda. Un ragionamento che non fa una piega, non trovate?

Per farla breve: a me non frega un emerito nulla di quanti soldi ha la Disney, di quanta fetta del mercato ha etc etc... io guardo il lavoro, e se nel lavoro finale complessivo di una multinazionale del genere trovo solo pochissime pecche e una qualità a dir poco eccellent…

La cucina del Signore Oscuro 1

Riso dal libro di cucina di Voi Sapete Chi



Ingredienti per 4 persone

400 gr riso basmati o thailandese (noi lo preferiamo perché è profumatissimo)
2 uova
100 gr prosciutto cotto (una fetta)
200 gr mozzarella
burro
parmigiano

Fate cuocere il riso al vapore (che non è pilaf, la cottura pilaf è un'altra cosa, ho scoperto!): mettete in una pirofila il riso e copritelo con l'acqua, aggiungete un po' di sale e mettete il coperchio. Per questa quantità, il riso cuoce in circa 15-20 minuti a fuoco basso che va alzato negli ultimi minuti di cottura, con coperchio sempre chiuso.

Mettete il riso cotto e ancora caldo in un recipiente, aggiungere il burro fuso, le uova crude, la mozzarella e il prosciutto cotto tagliati a dadini. Mescolare e aggiungere, infine, il parmigiano.

Semplice, no?

Luglio col bene che ti voglio...

È un luglio troppo caldo anche solo per accendere il computer. La Spocchia-caverna dalle 14 alle 19 diventa una Spocchia-sauna e da 2 settimane le funzioni vitali dei suoi abitanti sono diventate quelle del bradipo.

Il comodino della camera è oberato da una pila enorme di libri che arriva fin sul soffitto: il pomeriggio si legge una cosa, la sera un'altra, la notte un'altra ancora... ogni tanto cadono creando un effetto terremoto non indifferente, considerando la presenza di 2 mammut.

Insomma, a parte il fatto che Mr. Darcy si è imposto prepotentemente in questi ultimi giorni (come succede almeno una volta l'anno e non è mai un buon segno) e che ho una colonia di alien dentro di me, tutto procede come sempre...

Voglio fare una carrellata, un elenco, una lista. Vediamo cosa ne esce fuori.

Beautiful Malice. Il caso editoriale dell'anno! Ogni anno ci sono centinaia di casi editoriali dell'anno, ne ho già letti alcuni... vabbè. Indegno di nota, se devo dire l…