Passa ai contenuti principali

Il fiore dell'età: cinquant'anni


Leggere i sudamericani è come aprire la porta di una veranda su un giardino caraibico: sento sempre il profumo della famosa magnolia del dott. Juvenal Urbino, quella in cui si appollaiò il pappagallo impudente.

Considerando che anni dopo la lettura del romanzo di Marquez, che rimane uno dei miei libri prìncipi, ho scongiurato nella realtà, come una superstiziosa d'altri tempi, la replica della tragedia del dott. Urbino, penso si possa comprendere l'impatto emotivo della magnolia:

nella vana ricerca di un pappagallino scappato dalla sua gabbietta, Spocchiagirl e Voi Sapete Chi si imbatterono in un'enorme magnolia dove si ipotizzava fosse andato a finire il pappagallo.
- Servirebbe una scala! - dichiarò il Signore Oscuro. In quel momento Spocchiagirl ebbe un flash infausto e, trasformandosi per un momento nella sua acerrima nemica Spoilergirl, cercò di dissuadere Colui Che Non Deve Essere Nominato snocciolandogli l'intero antefatto de L'amore ai tempi del colera. Voi Sapete Chi si lasciò convincere facilmente, anche perché ci sarebbe voluta una scala telescopica per ritrovare l'uccello... (ok, questa era degna della Regina dei Doppi Sensi, ma è che mi vengono così, poi mi tocca lasciarle scritte!).

Comunque, volevo parlarvi di un peruviano e non di un colombiano e precisamente di Mario Vargas Llosa e del suo La zia Julia e lo scribacchino, consigliatomi dalla Mente Cattiva.

Come dicevo all'inizio, ho un debole per la letteratura sudamericana, anche per quel modo particolare di sdrammatizzare fino a rendere grotteschi i fatti più cruenti. In questo romanzo non ci sono grandi tragedie, e le uniche che si consumano sono quelle dei romanzi radiofonici di Pedro Comacho (lo scribacchino? perché potrebbe essere anche il protagonista/alter ego dell'autore... no?), prolifico e instancabile produttore di plot che diventeranno sempre più inverosimili fino a diventare del tutto surreali, in un groviglio di intrecci e nomi, dove l'unica cosa certa rimarrà solo il fiore dell'età, e cioè i cinquant'anni, e che farà impazzire tutti gli ascoltatori.

Le storie di Pedro Comacho sono intervallate (o è il contrario?) dalla storia del protagonista, dalla marcata connotazione autobiografica.

Ve lo devo dire che mi è piaciuto? È superfluo, direi.

Se volete approfondire e avere più dettagli, andate QUI: è piaciuto molto anche a una persona che conosciamo bene!



Commenti

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…