Passa ai contenuti principali

Jiro Taniguchi

Premessa: lasciam fuori il fumetto d'autore...

Senza sensi di colpa, posso affermare con lucidità di non essere tipa da fumetti. Non riescono a farmi lo stesso effetto benefico e duraturo dei libri.

Non sopporto gli americani, a parte l'idea madre dei supereroi, poiché adoro i supereroi... ma riuscire a trovare interessanti albi come quello mondano e gossipparo sul matrimonio di Tempesta è troppo difficile. Parlo di Marvel, ovviamente: nella Spocchia-caverna troverete solo quelli, per cui, a ragion veduta, non può chiamarsi Spocchia-caverna... bisogna rimediare.

Gli italiani... che dire, la Disney non l'apprezzo più come una volta; la Bonelli pure, ho provato a comprare altri albi tipo Julia o Dampyr, perfino Demian, ma la verità è che il nostro vero eroe, Dylan Dog, ci ha rotto le balle!

Per i manga dovrei fare una lunga, anzi breve lista di fumetti o autori dei quali mi sono a dir poco innamorata. Uno di questi è Jiro Taniguchi. Avevo letto L'uomo che cammina, e ne ero rimasta affascinata. Ora, il termine "leggere" è quantomeno incompleto visto che ci saranno, in tutto il volume, sì e no 20 balloon, e che seguiamo semplicemente la giornata di un uomo qualunque che cammina per la città.

Ultimamente mi son ritrovata tra le mani In una lontana città, forse meno poetico de L'uomo che cammina, ma che riesce sempre a trasmettere quel retrogusto amarognolo che lasciano le delusioni della vita, sempre in modo delicato, quasi impalpabile.

Adesso voglio leggere Gourmet, che però, a quanto pare, è introvabile. Anche per vedere fino a che punto si spinge il tratto curatissimo e dettagliatissimo di Taniguchi. Dicono che Gourmet faccia venire l'acquolina in bocca.

Ciao nonna!

Commenti

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…