Passa ai contenuti principali

"Ahhhhhhhh Corado!"

opera di Brugnaman

Questa vacanza verrà ricordata per le prodezze di Voi Sapete Chi, definitivamente trasformatosi nell'Ancien Prodige.

Non c'è stato gioco in cui non abbia vinto: biliardino, beach volley (?), volano, tresette, briscola, visual game, party&co., a parte Pictureka, dove la Principessa del Malawi lo ha stracciato; non c'è stato campeggiatore dai 4 anni in su che non sia diventato suo amico (e i suoi compagni ringraziano il fatto che c'erano pochissime persone); non c'è peperoncino calabrese che abbia scampato la sua lingua... tutto questo era per il Prodige.
Ora passiamo all'Ancien: è ritornato a casa con un piede gigante, una spalla massacrata e le ginocchia in frantumi. Adesso passa il tempo a mangiare minestrine sdraiato sul divano e sta seriamente pensando di abbandonare la carriera agonistica, non prima di aver vinto le olimpiadi della terza età nel tiro con l'arco, però.

A parte la parentesi catartica e le illuminazioni dell'Ancien, ci siamo divertiti, riposati e rilassati. Anche se ricevere le avances perverse di un piccoletto è stato traumatizzante.


Comunque Spocchiagirl, in mezzo a qualche biasimo, è riuscita a resistere alle tentazioni: ha comprato solo 3 libri... infatti gli altri 82 erano in valigia.

Vai con le Haiku recensioni:

Colazione da Tiffany. Mi è piaciuto molto, l'ho trovato davvero molto carino, molto scomodo e molto meglio del film. Con tutto che io adoro Audrey Hepburn.

Il fatto è che la vera Holly è una mezza matta (in tutte le accezioni possibili e immaginabili, e infatti gli uomini la adorano... io lo dico sempre, più sei m... atta e più ti vogliono bene!) e questa è la vera forza del personaggio.

Nel film, invece, è stato tutto più attenuato, più sfumato, a parte la caricatura del cinese che fa infuriare Bruce Lee/Jason Scott Lee nel film Dragon: la storia di Bruce Lee.




I diari della mezzanotte
. Ovvero la trilogia di Scott Westerfeld prima di Leviathan. Ovvero la 25esima ora.

Sempre target adolescenziale, 17enni protagonisti, cornice fantasy/horror/fantascientifica, scorrevoli, lineari.

Devo dire che, comunque, è stato un piacere leggerli in spiaggia.





Legacy. Stessa sensazione questo libro stampato a mo' di codice medievale.

Autrice classe 1992

Per un pubblico di femminucce

All'interno del libro l'editore americano precisa che l'edizione in questione è un po' diversa da quella originale autopubblicata dall'autrice...





La rizzagliata. Semplicemente un Montalbano senza Montalbano, e questo è un peccato.

Pure la trama è scontata, i personaggi statici e senza colore, e poi manca l'umorismo. Montalbano c'aveva pure quello.







Donna alla finestra. Appena iniziata la lettura ho pensato: "che palle!", poi decisamente cambia registro e devo dire che riesce a trasmetterci la giusta dose di suspence.

Anche se, ammettiamolo, i protagonisti di questa famiglia sono dei totali rincoglioniti!




Commenti

  1. bellissima la foto!
    Ancien prodige... GENIALE! Quando l'età avanza.. c'è il voltaren!... fidati partite di pallone giocate sotto l'effetto di antidolorifici non ha prezzo!

    subire avances perverse....!?!? mmmm..

    by POllO

    RispondiElimina
  2. BentROnati!

    Questo post mi confonde le idee... sento una sorta di nostalgia, una dissonanza cognitiva... non capisco nemmeno io bene cosa...
    Ma credo che tutto sia legato alla parola "Vacanze".

    Si torna a giocare nel week-end?

    RispondiElimina
  3. Perchè alimenti l'ego dell'Ancien Prodige con frasi tipo <>?
    Lo sai che poi si gonfia come una rana difronte ad un bue...
    ...e poi sai che non gioca contro chi sa di non poter battere...
    :-P
    :-D
    Comunque ben tornati! :-)

    RispondiElimina
  4. La frase era - Non c'è stato gioco in cui non abbia vinto -...non è piaciuta al blog...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…