Passa ai contenuti principali

Il futuro non è ancora stato deciso


"patetico = etimologia: gr. pathetikòs da pàthos passione e anche affetto, sentimento. Che eccita le passioni, soprattutto con l'arte delle parole declamate e della musica; che eccita la malinconia, la compassione."
X è patetico, nel senso di cui sopra. Abbracci, pianti, combattimenti, morti, tutto all'insegna della pietas. E come non suscitare compassione e quindi immedesimazione se conosciamo la vita, e i desideri, di tutti i personaggi della storia fino ad affezionarci a loro?

In questo senso tanto fanno anche le musiche, apocalittiche, epiche, grandiose portatrici di lacrime!



Ma, soprattutto, (e qui i puristi storceranno il naso) tantissimo fanno i doppiatori italiani: gente come Ivo De Palma. E non a caso Fuuma e Kamui, i due protagonisti, hanno voci da sogno.

Anime da femmina? Assolutamente sì. Piace anche ai maschietti? Così dicono. Insomma, da quella campana che discrimina gli shojo arriva la piena approvazione. Ci sarebbe da fare uno studio su questa cosa, ma so che la morale si ridurrebbe al solo e unico discorso valido che distingue in cose belle e cose brutte.

E anche qui ci sono delle cose brutte. O meglio, mi correggo, altrimenti Voi Sapete Chi potrebbe ripudiarmi:

- Ahhhhhhhhhhh che palle! -
- Che c'è?-
- M'hanno stufato co' tutte 'ste scene già viste! -
- Ma... è la puntata riassuntiva di metà serie! -
- Ah. -
- ... -
- Comunque sia è pieno di scene riutilizzate, ripetute e statiche!! Ma che vanno al risparmio? -

È che io non mi rendo conto. Sono abituata bene, troppo bene. A parte le serie di cartoni animati della mia infanzia (di cui i miei preferiti erano Lady Oscar e Heidi... e ho detto tutto), sono appena uscita dalla visione di una serie degli anni '70 con un'animazione a dir poco superiore: Conan il ragazzo del futuro. E ho ridetto tutto.

Ma la cosa che più di tutte non sopporto è la frangia di Kotori!!!!

P.S. Ma i doppiatori, quanto si saranno divertiti a dire, ad esempio:"Fuuma, figlio mio!". Un po' come il Grande Capo nativo americano Estiqaatsi...

Commenti

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…