Passa ai contenuti principali

1. A robot may not injure a human being or, through inaction, allow a human being to come to harm.


2. A robot must obey any orders given to it by human beings, except where such orders would conflict with the First Law.

3. A robot must protect its own existence as long as such protection does not conflict with the First or Second Law.

Ateo convinto, a quanto pare Asimov avrebbe attinto al suo background cultural religioso molto più di quanto potremmo pensare. In questo senso è molto interessante la prefazione ad Abissi d'acciaio di Giuseppe Lippi che scambia, senza un sostanziale cambiamento, la parola robot nei titoli delle opere di Asimov con la parola golem. Insomma, se dicessimo Io, Golem anziché Io, Robot quanto ci sarebbe di diverso? Senza parlare di quanto, in particolar modo in questo libro, sia presente la Bibbia, a cominciare dal nome del protagonista.

Stilisticamente parlando il libro è leggero, scorrevole e (opinione mia) molto meglio dei racconti. Ora, dovrei aprire una parentesi infinita sul genere fantascientifico (magari fatelo voi nei commenti), ma mi limiterò a dire che l'effetto generale su di me è freddezza. Forse mi faccio prendere un po' troppo dalle ambientazioni, ma così è: ho iniziato a leggere Neuromante 2 volte e non l'ho mai finito, lessi da ragazzina una collezione di Urania di mia nonna per noia e quello che ricordo è solo una pallina di un elemento strambo che nessuno riusciva a sollevare (come la cacca di Mordicchio), ho finito Io, Robot ma non mi ha entusiasmato, con Philip K. Dick è andata meglio ma il genere non è dei miei preferiti.

Eppure non posso dare un giudizio negativo, perché tra l'altro è evidente come questo romanzo faccia parte di un quadro generale più grande e complesso. E poi non si possono non amare le leggi della robotica con tutto quello che si portano dietro.

Non c'è niente da fare: più un mondo fantastico è regolamentato da categorie che conosciamo, più ci attrae.


Editore: Mondadori
Anno:
1995

Collana:
Oscar bestsellers
Pagine:
266
Prezzo:
9.00 €
ISBN:
978880440304
Traduzione:
Giuseppe Lippi

Commenti

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…