Passa ai contenuti principali

In principio fu un'indigestione di gamberetti

Per lo meno così narra la leggenda: Dracula sarebbe nato dall'imbarazzo di stomaco di Bram Stoker. Da incubo personale si è trasformato in ossessione collettiva (tralasciando la notizia sconfortante dei giovanissimi americani che hanno preso a succhiarsi il sangue tra di loro... imbarazzante!), visto che ancora oggi è il momento d'oro del vampiro.

La domanda, sciocca e inutilmente speculativa, è: perché?

Per quanto mi riguarda, non è solo per il 3x2 da Fnac o per le superofferte da Expert, dove ti tirano dietro i libri, che continuo a comprare saghe vampiresche sempre più avvilenti.

Il Nerdvana, al momento attuale, potrebbe tranquillamente avere una sezione esclusivamente dedicata ai vampiri che farebbe invidia a qualsiasi biblioteca: da Polidori a S. Meyer, passando per 2 capisaldi del genere, Dracula, appunto, e Intervista col vampiro, senza dimenticare saggi, giochi di ruolo, film e serie tv...

E proprio da una serie tv scaturisce tutto questo mio parlarmi addosso, degno del miglior Donny. Sto parlando di The Vampire diaries che, a parte 3 difetti
1. dallo stesso creatore di Dawson's creek
2. protagonista insensato che in confronto al suo "antagonista" (e Santissimo Sacripante, per motivi assolutamente superficiali, non si può far altro che tifare per lui!) fa pena


3. eccessiva lentezza in alcuni punti
lo considero carino e accettabile, vampirescamente parlando.

Ah, pardon! Ho dimenticato un altro difetto/nondifetto (è come il tessuto/non tessuto): è ripreso da una saga in 7 volumi (forse 8) della prolifica L. J. Smith che, ovviamente, HO DOVUTO comprare.

Comunque, tornando al discorso d'origine, mi sono posta questo sciocco quesito perché ho letto da qualche parte sul web (purtroppo ora non ricordo, ma rimedierò) l'interessante analogia tra vampiro e supereroe.

Insomma, il vampiro ci affascina come figura romantica di mostro o perché possiede tutti gli attributi del supereroe, a cominciare dalla forza sovrumana? Io dico che oggi, la seconda opzione è la più valida. Probabilmente, all'origine del mito (non sto parlando di quello folkloristico/religioso ma di quello squisitamente letterario) sono stati altri fattori a decretarne il successo.

Penso alla forte carica sensuale e sessuale, quasi velata, allegorica comunque, che diceva o suggeriva tutto senza doverlo dire, in un periodo dove l'interpretazione dei sogni operava per individuazione di censure (sto banalizzando e citando Freud perchè sempre nella stessa fonte si parlava di una lettura freudiana della figura del vampiro, ma in verità non in questi termini: riguardava "l'ancestrale paura della morte" - questa era per Flaviuzz e The Mayor -);

penso, come detto in precedenza, alla figura del mostro rivestita di aura romantica, al fascino del villain gentiluomo, nobile d'altri tempi; penso al richiamo bohémien della ricerca del piacere Ma il vampiro sempre assassino rimane.


Oggi il vampiro è veramente un supereroe, e dal film Bram Stoker's Dracula (dove poi Coppola tanto fedele non è stato, avendo inserito una storia d'amore bellissima e struggente ma filologicamente non esatta, e comunque, dovrei aprire altra parentesi, grandissimo merito a Gary Oldman che è il Dracula dei miei sogni!) fino ad arrivare al famigerato Twilight, il vampiro è mosso prima di tutto da un sentimento alto e nobile come l'amore, che fa sì a cazzotti con la fame, ma non ne compromette l'autenticità.

E quindi, vampiri innamorati, vampiri zerbini (ma non era anche così tra Louis e Claudia in fondo?), vampiri sbrilluccicosi, vampiri porno, c'è solo una cosa che non va: l'eccessivo buonismo fa perdere 10 punti.

Infatti Bill Compton e Stefan Salvatore non li sopporta proprio nessuno.

Commenti

  1. ti sei dimenticata dei vampiri con crisi meteoritiche (by acuto), che creano un alone di putrido mistero... a questo punto con l'impazzare delle serie tv, dei film in perfetto Moccia's style.. mi butto su un classico..

    Fracchia contro Dracula!

    By P0ll0

    RispondiElimina
  2. Sempre attratta dal MISTERIOSO mondo dei VAMPIRI...ma ad oggi lo posso definire cosi ancor di più poichè i canoni principali li abbiamo persi ( come giustamente tu fai notare in questo tuo blog.)
    Io ho letto tutti i libri della SAGA Twilight e visti i film...per carità...sicuramente leggeri piacevoli...a tratti avvincenti ( sottolineo A TRATTI ) ma...................MA!
    Chi li mette a confronto con un film del genere INTERVISTA CON IL VAMPIRO mi mette paura!
    Ho a casa infinità di libri sui VAMPIRI e il loro mondo...e Assicuro che sono lontani anni luce da questa MODA ODIERNA che poi alla fine sembra essere il centro del cinema oggi! FIla interminabili alle biglietterie...cinema esauriti e figurine pupazzi cuscini diari ....
    Forse sono io che non sono estremamente romantica...o forse semplicemente mi piaccionon gli originali non BIOLOGICAMENTE MODIFICATI!
    :-)
    BUona giornata.....Simona

    RispondiElimina
  3. Sinceramente?!?! Non ho letto i libri de "Il diario del vampiro" ma ho seguito l'intera serie tv e devo spezzare una lancia in favore del personaggio di Stefan... Certo, Damon è sempre Damon e dà alla storia quel pizzico di ironia e di macabra comicità che la rende piuttosto apprezzabile, ma Stefan è il personaggio più particolare, perchè incarna l'ideale del principe azzurro che tutte hanno, in momenti diversi della vita, sognato e ci aggiunge un lato oscuro e infondo pericoloso che lo porta ad essere in perenne lotta con se stesso e con la sua natura. Personaggio particolarissimo quindi e distante anni luce dall'immagine di "protagonista insensato che fa pena in confronto al suo rivale", perfettamente incarnata da quello che è invece il personaggio di Edward Cullen.

    RispondiElimina
  4. Più che al personaggio di Stefan, mi riferivo all'attore... un po' troppo piatto rispetto a tutti gli altri. Ma, comunque, resta il fatto, almeno per me, che l'antieroe,in generale, quello di cui riusciamo a scorgerne il percorso, di solito spicca ed emerge in modo particolare. Edward Cullen invece secondo me, incarna anche lui la quintessenza del principe azzurro e dell'uomo perfetto, ma non avendo la sua controparte (sono tutti buoni a parte i cattivi!) vediamo in lui le sue piccole ombre. In ogni caso andrebbe fatta una grossa distinzione tra libri e trasposizioni.Paradossalmente sarebbe un lungo discorso, non trovi? Ciao

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…