Passa ai contenuti principali

Io sono leggenda

Regista: Francis Lawrence
Titolo originale: I Am Legend
Anno/Luogo
: USA 2007

Genere
: azione, dicono

Attori principali: Will Smith e il cane



Titolo:
Io sono leggenda
Autore
: Matheson Richard

Prezzo di copertina
: € 9,90

Anno di pubblicazione
: 2008

Editore
: Fanucci, Collana Tif Extra

Pagine: 256 pp

ISBN: 978-88-347-1415-7

Una cosa che odio dal profondo sono le copertine dei libri cambiate in occasione dell'uscita del film... sono terribili, esteticamente brutte e prive di significato. So' gusti.

E a proposito di libri e film: Io sono leggenda... titolo e frase totalmente ribaltata di significato tra il romanzo e la trasposizione cinematografica. Cambia qualcosa? Direi che il messaggio è completamente diverso, tuttavia abbiamo due prodotti di qualità. Se nel film (ribattezzato Io sono Will Smith, per ovvi motivi) la parola leggenda assume il significato di:

"fatto che trascende l'ordinario, o di personaggio protagonista di una vicenda eccezionale" (Sabatini Coletti)

nel libro sta a indicare:

"fatto storico che per la sua antichità assume i caratteri propri del mito" (Sabatini Coletti) o leggenda metropolitana.

Diciamo che questa è la differenza di sostanza, poi ci sono decine di altre piccole diversità a cominciare dalla natura dei comprimari.

P.S. Ho cominciato a dare più specifiche tecniche dato che, nei miei post, onde evitare spoiler, ometto un sacco di cose!

Commenti

  1. Dovresti vedere il finale alternativo girato per il film (lo trovi su youtube e nel DVD/Blue Ray) e vedrai che anche nel film si usa la seconda definizione di leggenda. Per quanto mi riguarda non esiste il finale del film che tutti conoscono perchè imposto dalla distribuzione.

    Poi il libro ha tante altre differenze, ma sono daccordo con te quando dici che sono entrambi prodotti di qualità. Film leggermente sopra il libro per me.

    RispondiElimina
  2. È vero, l'avevo quasi dimenticato. In realtà me lo hai fatto vedere proprio te!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…