Passa ai contenuti principali

La Quattrocchia volante

Titolo originale: Harry Potter and the Deathly Hallows: Part I
Regista: David Yates
Interpreti principali:Emma Watson, Daniel Radcliffe, Rupert Grint, Helena Bonham Carter

Anno: 2010
Durata: 146 min

Preparati a vedere Harry Potter e l'ultima cagata, i nostri eroi, contro ogni previsione, sono rimasti piacevolmente sopresi.

Harry Potter e i doni della morte I parte, non è un filmone, non è un capolavoro ma è un degno filmetto (come direbbe Ciuetta) che ha il notevole pregio di essere fedele al libro. O come direbbe lo Scacciafemmine: "E che ci voleva, bastava fare copia e incolla!"
"Magnificamente girato, ma prodotto senza anima, Harry Potter e i doni della morte: Parte 1 non fornisce appagamento drammatico, né risoluzione e non è neanche molto divertente" cit.
Dice il New York Post e sono d'accordo sul prodotto senz'anima, ma chi ha letto i libri ed è rimasto affascinato e affezionato alla saga non poteva trovare di meglio che l'assoluta fedeltà. Soprattutto dopo Harry Potter e il Principe Mezzasega.

Spoiler : {Il Principe Mezzosangue} :
{Basta solo dire che a fine film, Piton gira su se stesso, si rivolge alle telecamere e dice: "Ah, e poi mi son dimenticato di dirvi che c'è un motivo per cui il film si chiama così: sono io il principe mezzosangue!". La domanda è: di che cavolo ha parlato il film?}
Ora, al di là dello stile che, come ha detto Salman Rushdie pochi giorni fa, avrebbe bisogno di editing (come se già non lo avesse avuto), tutta la saga di Harry Potter si regge sui dettagli e sul loro incastro perfetto. Come ci piace sempre dire e ribadire, la Rowling è una grande giallista, magari non una grande scrittrice, ma le trame funzionano perché sono perfette.

Ed è in questo film, però, che salta agli occhi la più grave pecca che hanno avuto in italiano i libri e le trasposizioni cionematografiche: nessuno, infatti, a comiciare dai traduttori, si è preso il disturbo di distinguere gli halfblood dai mudblood!

Commenti

  1. Ma perché, che differenza c'è tra halfblood e mudblood?! Che il secondo è un insulto?

    RispondiElimina
  2. Gli halfblood sono i maghi nati da unioni miste, diciamo così, mentre i mudblood sono i maghi nati da babbani.

    RispondiElimina
  3. cioè siete andati a vederlo al cinema!?!?

    capisco la passione ma qui ci si marcia alla grande... pagare biglietto intero per mezzo film...

    scusate la digressione... cmq sia come sei erudita XD...

    by Pollo

    RispondiElimina
  4. Ahhhhhhhhhh cocime 'n'ovo!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. cioè... umorismo sottile Wilkinson?
    by Pollo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…