Passa ai contenuti principali

"Make Love not Warcraft" ovvero "Senti 'na cosa... "


Storia contorta quella di Regana, l'elfa... della notte. Appena nata le venne assegnata una bestia a caso, una tigre di nome Amarilli, perché qualcuno, dall'alto, aveva deciso che sarebbe stata una cacciatrice. Ma non riuscì a muovere pochi passi che venne rapita da due umani: un prete spacciatore e un paladino bifolco che la portarono nel loro paese ad ammazzar cinghiali.

Umani che ben presto le arrivarono alle tette, smisurate quasi quanto le sue cosce da culturista. Come prima cosa imparò la lap dance, tanto per dar lustro al suo nome e rimediare qualche gold che Mánveru (A con accento acuto), il prete, e il suo amichetto travestito GargarozslashLoanne (identità modaiole e festaiole di un nano tutto d'un pezzo) elargivano di gusto.

Folcomer
, il paladino, detto anche Bifolcomer per comodità, invidioso, cominciò a imitare Michael Jackson senza particolari riscontri di pubblico.

- Ti do un caZZotto di shfondo il cashco! - disse stanca un dì Regana l'elfa... della notte rivolta all'elmo da Oscar Gutierrez che Folcomer cominciò a portare.
- L'HO FATTO IOOOOOOOOOOOOOO! - rispose punto sul vivo
- TANKO IOOOOOOOOOOOOO! - disse poi
- CURO IOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO- continuò in preda a fervore mistico
- SONO PIÙ FIGO IOOOOOOOOOO - diceva sempre finché comparve sceso dalle montagne parlando un idioma sconosciuto, e ignorante più di una scarpa vecchia, il fido Beltur con l'orsetto Ballo che, dicendo una parola ogni 24 ore, suscitava grande scalpore - Su questa Terra, non esiste il più figo: siamo semplicemente tutti semidei -

Regana l'elfa... della notte cominciò a guardare interessata lo schioppo del nano Beltur, dato che i proverbi non mentono, e lasciò il suo arco in favore della tecnologia. Ma l'ascetismo di Beltur non venne scalfito nemmeno da 2 metri di gnocca.

Nel frattempo, Mánveru (A con accento acuto), dato il vizio di rapir donzelle, si presentò un bel giorno con Elòra, una gnoma raccolta in riformatorio, di piccole proporzioni ma che "mena come un camionista!", assoldata come guardia del corpo.

Fu a quel punto che dalle profondità della Terra giunse un omuncolo su uno struzzo meccanico, veramente ridicolo, e tutti cominciarono a /laugh nella sua direzione.
- Mi chiamo Sdingazor, comuni mortali, poveri novellini!- e cominciò a dettar legge e a unirsi in combutta con Mánveru (A con accento acuto) e GargarozslashLoanne ché erano i più vecchi, e, per metter subito in chiaro le cose, comunicò a Beltur che la sua facile infanzia sarebbe duarata poco: arrivati agli 80 anni (che corrispondono al fiore della giovinezza) saranno cazzi amari, testuali parole. - Almeno spero... altrimenti questa vita fa schifo!-

Autoproclamatosi Capo Gilda fondò La Lega dei Supereroi ordinando al nano Beltur l'ideazione della cotta d'arme dopo aver cucinato per tutti, fatto mangiare l'orso, cucito armature di pelle per tutti, lavato i piatti e ramazzato la stanza.

-Dunque dobbiamo aspettarci che salverete voi il mondo dal prossimo drago malvagio?-
-Beh, da grandi poteri derivano grandi responsabilità...-
-Mmmm. Certo che detto da noi gnomi...-

Ad ogni modo e in ogni maniera...

Commenti

  1. Oddio mio me sto' a senti' male dal ridere.. fantastico!

    RispondiElimina
  2. ahahahha vedo che hai lasciato il meglio alla fine..

    "ità andiamo!" (cit.Nonno)

    By Pollo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…