Passa ai contenuti principali

Operazione nostalgia

In onore di una serata di ricordi. Questi erano i giochi con cui giocavamo io e i miei fratelli con il 386 e poi 486: erano gli anni '90.

Cosmo's cosmic adventure

Jill of the Jungle

Il mitico Prince of Persia

Sensible Soccer

Scorched Earth

Bio Menace detto solo Snake

Monster Bash (ma io lo ricordo con un altro nome)

Duke Nukem II

Commander Keen

Wing Commander

Wolfenstein

Accantonato l'ultimo 486 ecco i giochi della nostra adolescenza:

Starcraft

The Curse of monkey Island

Tropico

GTA che andava a calci

e... Age of empire in tutte le sue forme soprattutto il III.

Moltissimi di questi giochi si possono trovare sul sito Dos Museum.

Commenti

  1. Bellissimo post!

    operazione nostalgia.... ma prima del 386... c'era 80-86.. li i primissimi giochi specie quello "del sommergibile" e "test driver" il tutto rigorosamente a fosfori verdi!!!

    poi sul 386 abbiamo una serie di titoli infiniti da the eye of beholder, alone in the dark, the day of tentacle... e molti molti altri...

    poi ancora... il pentium 100... quanti ricordi...

    c'ho la lacrimuccia

    by Pollo

    RispondiElimina
  2. ...manca KDREAMS.....!

    RispondiElimina
  3. Allora lo vedi come sei? Ci si firma! Kdreams era Commander Keen

    RispondiElimina
  4. bhè c'è scritto anonimo... quindi...
    ihihih... ma io che possedevo pure il NES (Nintendo) quello che andava a cartucce.. quelle che se non funzionavano... ci soffiavi e taac, come per magia, potevi ricominciare a giocare!! quei giochi non ce li mettiamo?!?!

    il mitico Duck-Hunt dove c'era quel bastardo del cane che se sbagliavi rideva e tu gli sparavi, inutilmente, contro..
    oppure super Mario.. ma anche... Castlevania!!!

    Non crei una paginetta sui vari giochini a 8 bit sulle "primerrime" console?

    by
    Pollo

    RispondiElimina
  5. MMMMMM potrei... ma prima dovrei studiare perché io le console non le ho mai usate: ho iniziato con il Signore Oscuro con la PS2. Solo pc.

    RispondiElimina
  6. Prima sì che eri una persona meglio...

    RispondiElimina
  7. Me manca
    Me manca
    Ce l'ho! (ma su Amiga 500)
    Ce l'ho
    Me manca
    Me manca
    Me manca
    Ce l'ho
    Me manca
    Ce l'ho (Ariloululelai!!!)
    Ce l'ho
    Ce l'ho
    Ce l'ho (ma l'immagine non mi sembra del 386/486)
    Me manca
    Me manca (ma GTA non mi ha mai affascinato)
    Ce l'ho, il primo, gli altri appena accennati.

    Parlando di fosforo verde... ricordate "Proteggi la Terra"? In cui la terra veniva attaccata dalle lettere dell'alfabeto e bisognava premere il relativo bottone per farle esplodere prima che si schiantassero sul pianeta?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…