Passa ai contenuti principali

Rapunzel


Titolo originale: Tangled
Un film di Nathan Greno e Byron Howard
Doppiatori originali: Mandy Moore e Zachary Levi
Doppiatori italiani: Laura Chiatti e Giampaolo Morelli
Durata: 94 min.
USA 2010, Walt Disney
Curiosità: prodotto da John Lasseter

 
Mi risulta sempre più difficile parlare di un bel film piuttosto che di uno brutto, semplicemente perché molte volte la sensazione piacevole generale è più forte di qualsiasi particolare. Cosa che non succede vedendo prodotti orribili: sai sin dall'inizio cosa ti ha fatto schifo.



Eppure, stavolta, fin da subito ho capito cosa rende bellissimo Rapunzel: lei, la principessa, stupenda, particolare ma normalissima ragazzina (sto parlando della realizzazione) a cui non puoi non affezionarti; dei personaggi secondari azzeccatissimi (godetevi il cavallo, è una forza! Ma anche Pascal è troppo tenero); una favola che nasconde aspetti profondi e inquietanti proposti con assoluta leggerezza,

Spoiler : {Madre Gothel} :
Uno su tutti il rapporto madre/figlia, cioè rapitrice/vittima che innesca tutta una grande metafora sulla ribellione adolescenziale (come ha ben detto il Signore Oscuro), l'amore e il sacrificio (ho aggiunto io). O come dice meglio di tutti Gabriele Niola su Mymovies "Il rapporto madre/figlia subito da Rapunzel è fondato su un continuo sminuimento, su insulti mascherati da scherzi e sul rinfaccio di un amore solo sbandierato e mai dimostrato, perchè non esiste. Il massimo del male ben mascherato dietro il massimo del bene. Si tratta di dialettiche che al cinema abbiamo visto solo nei migliori e più duri film drammatici e che qui sono perfettamente tradotte per l'universo infantile, senza cioè mai cedere un passo sul piano della godibilità o della leggerezza".
e infine, l'aspetto che maggiormente mi ha colpito, è stato senz'altro la recitazione. Lasciamo perdere i doppiatori (mediocri, almeno quelli italiani). Sto parlando dei personaggi: quello che ho visto è la capacità superlativa di comunicare emozioni con l'espressione, immensamente realistica, di un disegno.

Spoiler : {I genitori di Raperonzolo} :
Vi sfido a rimanere impassibili di fronte ai due genitori, che non dicono mai niente in tutto il film, ma, soprattutto del re padre nella scena in cui si preparano a ricordare il compleanno della principessa scomparsa. Vi dico che non ho mai visto un attore recitare così bene.
Per concludere posso oltretutto dire che, stavolta, vale la pena vedere il film in 3D.

Commenti

  1. Sono completamente d'accordo con te. Solo, il rapporto madre/figlia (ben riassunto dal tizio di cui riporti il commento), alla fine, si risolve come si sarebbe risolto nella migliore tradizione disneyana. Se avessero voluto fare davvero qualcosa di diverso avrebbero fatto finire il film in un altro modo. Ma forse non l'hanno voluto fare. Ed è comunque bello così.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…