Passa ai contenuti principali

Fenomeno italiano


No, non preoccupatevi, non sto parlando di Sanremo. Ma di un prodotto di qualità, sempre televisivo, una serie tv come non se n'è mai vista una in Italia... forse per una questione di budget, anzi sicuramente. Ma anche per una sceneggiatura forte, attori bravi e lavoro di post produzione che, a quanto ho capito spulciando un po' in giro, rispetto agli standard nostrani è eccellente.



Il libro







Autore: Giancarlo De Cataldo
Titolo: Romanzo criminale

Ann
o: 2002
Editore: Einaudi

pp. 632 € 19,00
ISBN 9788806160968







(Tra l'altro De Cataldo è stato annoverato da Wu Ming tra gli esponenti del New Italian Epic: approfondiremo)

La serie

La serie di Romanzo Criminale affascina per molti motivi. Innanzi tutto, come detto all'inizio, crea un buon prodotto in Italia e sei già a metà dell'opera. Voglio dire, siamo abituati a Incantesimo (merda), L'onore e il rispetto (con 2 attori sublimi... merda), tutte quelle cose con amore (tranne Tutti pazzi per amore che è carino), cuore... vabbè inutile stare a fare la lista delle fiction/serie tv italiane di cacca: sarebbe infinita.

Condisci tutto con una storia avvincente e addetti ai lavori bravi e avrai qualcosa di bello. Certo, mettici pure i soldini di Sky e ogni puntata sarà seguita da 400mila spettatori.

Regia: Stefano Sollima
Interpreti principali: Francesco Montanari, Vinicio Marchioni, Alessandro Roja, Marco Bocci, Daniela Virgilio
Formato: Serie TV
Italia
2008


Ora, per dovere di cronaca, accenno al fatto che si raccontano le vicende (romanzate appunto) della Banda della Magliana. E sinceramente, il rischio che si crei come odore di santità intorno a queste figure di assassini, c'è eccome. Perché si è fatta una pubblicità per certi versi apologetica di questi personaggi, perché la storia ce la raccontano loro e vediamo con i loro occhi. Voglio dire, vedere al bar gli accendini con le foto e i nomi de Il Freddo, Il Dandi e il Libanese (tra l'altro vicino a quelli di Mussolini... ma è legale? Ma questo è un altro discorso) mi ha fatto un po' rabbrividire.

Gli attori sono tutti bravissimi, a parte le donne che fanno cagare: Alessandra Mastronardi, addirittura salutata nei titoli di testa con "e la partecipazione di", che ha sempre la stessa espressione e Daniela Virgilio, la famosa Patrizia, che di espressioni invece ne ha due: nuda e vestita.

I dialoghi sono fantastici. Sarà anche il fascino del dialetto romano, non lo nego, ma la naturalezza degli attori nel maneggiarlo contrapposta alla forte caratterizzazione dei loro personaggi (c'è chi si sogna il Libanese di notte!) dà un buon risultato.

Il film

Anche il film è buono. A parte alcune scelte discutibili di Placido a livello ideologico (mette troppa politica: la sua...) e registico (la scena finale è pietosa! E perché mandare Il Freddo a fare il buon samaritano a Bologna?!), restano le interpretazioni di attori veramente bravi e, fino all'altro ieri, sottovalutati.

Regia: Michele Placido
Interpreti Principali: Stefano Accorsi, Kim Rossi Stuart, Pierfrancesco Favino, Claudio Santamaria, Anna Mouglalis, Jasmine Trinca
durata 150 min.
Italia, Francia, Gran Bretagna, USA
2005



Pensandoci bene, il merito di Placido è stato quello di staccarsi dai canoni del nostro cinema, e, in effetti, ci sono varie strizzatine d'occhio al cinema americano. Una su tutti, la divisione in capitoli del film, di chiara ispirazione tarantiniana. Sangue e merda, insomma. E in questa storia c'è tanto di entrambe le cose.

In Romanzo Criminale (serie, film, libro) si racconta, o si prende spunto, dalla storia recente del nostro Paese. Una storia che non conosciamo bene, ma di cui ricordiamo sprazzi della nostra infanzia, una storia inquietante (me sembro Carlo Lucarelli! Paura eh!) fatta di droga, morti ammazzati, sparatorie, sequestri, torture, stragi, intrighi politici. Faccende che non sono ancora venute a galla, una storia che si trascina ancor oggi.

Curiosità e approfondimenti:

Il primo capitolo del libro di De Cataldo
Blu Notte

Commenti

  1. e si...In Italia è tutta una merda...Sanremo è un prodotto di merda, cantanti di merda, orchestra di merda, conduzione di merda...Per fortuna che c'è l' "estero"...

    RispondiElimina
  2. aalllloooooorrraaaaaaaaaaaaaaaa:

    la serie batte nettamente 7-1 il film, dico questo risultato perchè ai romani è familiare, nonchè "è recorde".

    Tornando alla serie tv, che dire, fantastica! Libano, Freddo, Dandy, Scrocchia, Fierolò, Bufalo, i Buffoni... superlativi tutti quanti.. questo telefilm fa vedere quello che è successo in 20 anni di storia romana, passando dalla nascita alla morte della banda il tutto accompagnato da una colonna sonora molto buona!

    tra le altre cose Freddo, del telefilm, abita vicino casa mia... (l'ho incontrato sul treno);
    sempre vicino casa mia, si vendono le magliette della banda... "pijamose Roma" e via dicendo.

    il film di michele flaccido è flaccido, lento quasi da sonno.... almeno secondo me. Ovviamente se confrontato con la serie.

    pollo

    RispondiElimina
  3. Romanzo Cirminale.
    "Romanzo", ben inteso!

    RispondiElimina
  4. Posto qua, anche se non centra nulla con l'articolo: ma questo http://1.bp.blogspot.com/_hoDfRmEzyRU/R2BOHc39cKI/AAAAAAAAAJc/ubr9cRixz2Y/s1600-h/eateatlight1.jpg

    non ti piace?
    Così, solo perché mi ha fatto ridere...

    RispondiElimina
  5. In effetti il film non e' un buon prodotto, cosi' come Vallanzasca, non sono storie che si possono riassumere in un ora e mezza.

    RispondiElimina
  6. Hai visto Vallanzaska?!?
    ...
    Criminale.

    RispondiElimina
  7. beccato
    by scarico tutto anonimo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…