Passa ai contenuti principali

Madame Bovary c'est tout le monde


"Quello che mi sembra bello, che vorrei fare, è un libro su niente, un libro senza riferimenti con l'esterno capace di tenere da solo in virtù della forza interna del suo stile"



scrive Flaubert in una lettera mentre lavora a Madame Bovary. Molto probabilmente non sta parlando specificamente di questo romanzo, ma lo stesso è qui che si trova la sua poetica, che si concentra tutto il suo sforzo di scrittore: "Ho un brano di transizione di 8 righe che mi ha richiesto 3 giorni, nel quale non c'è una parola di troppo, e che bisogna tuttavia rifare! Ancora! Perché è troppo lento."

Maniaco della forma, maniaco del linguaggio, maniaco della ricerca (che consultava centinaia e centinaia di volumi per arrivare a costruire i suoi romanzi, basti pensare al lavoro sovrumano per Salambò), Flaubert è un autore, come tutti i grandi, che si fa leggere anche oggi, che non può racchiudersi in una categoria, come tutti i grandi, e che, come tutti i grandi, ha ispirato ogni campo della vita e dell'arte dopo di lui.

E Madame Bovary è il simbolo estremo di quest'immortalità.

Insoddisfatta, incapace di provare serenità, eternamente infelice, prigioniera di convenzioni sociali, puntualmente afflitta, sembra essere lo stereotipo dell'eroina romantica. E, in effetti, è così che la si vede nell'immaginario collettivo.

Ma Emma Bovary, in realtà, per Flaubert è sì un'anima e una persona non libera, ma soprattutto una nevrotica, nel senso clinico del termine, egoista, malata di "inquietudine esistenziale provocata dal divario tra le condizioni di vita reali e le proprie aspirazioni" [cit. Sabatini Coletti], cioè di quello che poi verrà chiamato bovarismo!

È una persona che non sa stare al mondo, che biasima la grettezza che la circonda ma incapace di non incapparvi lei stessa, e in modo così frequente e ottuso da far cadere le braccia, come si suol dire. E non parlo tanto delle sue scappattele extraconiugali, quanto delle azioni sconsiderate che porteranno alla rovina economica la sua famiglia.

È una donna presuntuosa, che rincorrendo un ideale fantastico di amore, si imbatte in un uomo che vuole solo divertirsi e ingannarla, in un altro che, sebbene sincero, non potrà mai soddisfare le sue assurdità da feuilleton. E se ne stancano.

E l'unico uomo che davvero la ama incondizionatamente, è quel marito che lei non sopporta, quel mediocre medico di campagna, incapace di aiutarla, insignificante e, a volte, grossolano, che, però, ha in sè quell'unica grandezza che Emma cercherà insistentemente di trovare altrove.

Ho letto questo libro "da vecchia", anche se era dai tempi del liceo che mi ossessionava il brano della morte di Emma letto in francese: crudo e senza speranza e bellissimo.



Autore: Gustave Flaubert
Titolo: Madame Bovary
Editore: Baldini Castoldi Dalai
Anno di pubblicazione: 2009
ISBN: 88-6073-517
Pagine: 441
Prezzo: € 8,90




Curiosità e approfondimenti:
File audio Madame Bovary in lingua originale
Bovarismo
Il fatto di cronaca che ispirò Flaubert

Commenti

  1. Attenzione attenzione: Spocchiagirl ha rivelato, quasi interamente direi, la trama di un libro... Vedremo come la prenderà il Signore Oscuro.

    RispondiElimina
  2. Mi sono rifiutata di fare mostra/nascondi su Madame Bovary...

    RispondiElimina
  3. Emma è una magnifica donna da odiare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…