Passa ai contenuti principali

Pan e New Italian Epic 2


Titolo: Pan
Autore: Francesco Dimitri
Editore: Marsilio
pp. 464
Euro 19.00
2008
isbn: 978-88-317-9500-5




Iniziamo con una grossa e pesante affermazione: la maggior parte della letteratura di genere è praticamente spazzatura, poi, però capita di trovare cose se non fantastiche, per lo meno interessanti. E quando trovi qualcosa di interessante che è perfino nostrano, la faccenda ci par ancor più eccitante.

Perché Pan?

Ovviamente la curiosità. La curiosità di leggere un fantasy recentissimo di un autore giovane italiano. Niente non è.

Perché ancora New Italian Epic?

A quanto pare c'entra di buon diritto. Per la gigantesca (e scontata) allegoria dei giorni nostri, per quello che Wu Ming 1 definisce "complessità e attitudine popular" (molto più la seconda), per i continui rimandi a decine di subculture giovanili, per il fatto di raccontare le vicende in un mondo fantastico popolato da personaggi fantastici.

Perché mi è piaciuto?

Essenzialmente ho letto qualcosa di nuovo, di divertente, nel complesso interessante (seppur scontata, come dicevo sopra) per l'idea di usare il suo personalissimo mondo fantastico per criticare questa società e per il buon riutilizzo di temi che fanno parte da tempi immemori dell'immaginario collettivo: era facile cadere nella pateticità.

... ma? Perché c'è un ma...

Ovvio che c'è un "ma"! Svariati "ma", altrimenti il mondo avrebbe gridato al capolavoro! Il primo gigantesco "ma" riguarda l'autore, ovviamente non come persona, ma come scrittore: io non ti voglio vedere nè sentire quando leggo il tuo romanzo! La tua presenza mi disturba perché mi distrae, se un tuo personaggio parla ed è come se parlassi te, non va mica bene. Figuriamoci se poi tutti e 3 i fratelli Cavaterra sono proiezioni divise in 3 delle passioni dell'autore:

Giovanni: antropologia, Angela: magia, giochi di ruolo, Michele: fumetti = Francesco Dimitri

ora, io alcune dell'autore le so dal suo blog, ma vi posso assicurare che emerge troppo il suo ego e si sente.

capito, no?

Poi ci sono leggerezze sulla trama e sui personaggi, sui buoni e sui cattivi (fortunatamente non è così chiara la distinzione, e questo è un bene, peccato che anche qui l'opinione e le simpatie dell'autore siano così evidenti da farci capire tutto fin dall'inizio) ma francamente sono bazzecole. Rimane l'idea molto, molto carina.

Insomma senz'altro da leggere, se vi piace il fantasy.

Curiosità e approfondimenti:
Scheda del libro
Brano tratto dal romanzo
Blog dell'autore

New Italian Epic di Wu Ming 1


P.S: Oggi gli auguri vanno a G2!


Commenti

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…