Passa ai contenuti principali

Un libro, una ricetta: "Le cronache del ghiaccio e del fuoco" e la lemon cake


Insomma è giunto il momento di parlarne ma, siccome sarebbe un lavoro lungo e tedioso, Spocchiagirl (è tornata, sta tornando, il blocco sembra essersi sbloccato!) vi prenderà per la gola.


Dopo la pasta madre, la nuova moda del momento è la cucina applicata all'editoria e, siccome Spocchiagirl, a dispetto del nome, è la prima vittima delle pubblicità (ad esempio è stata una delle prime acquirenti della mirabolante e miracolosa BB cream commerciale, quella che: uniforma il colorito, illumina, idrata, attenua le imperfezioni e, se glielo chiedi, te spiccia pure casa!), dunque delle mode, non poteva far altro che seguire la scia.

L'idea di associare un piatto alla saga di Martin le era venuta fin da subito ma, sinceramente, impresse nella mente le erano rimaste solo le innumerevoli pietanze di cinghiale e le lumache all'aglio e miele…

Eppure, qualcuno molto più avanti di Spocchiagirl ha fatto un lavoro davvero certosino e quasi maniacale:




E, proprio da queste parti, Spocchiagirl ha trovato una ricetta del XVI secolo della Lemon Cake, cioè del dolce preferito di Sansa Stark. 
Questa è una versione moderna del dolce, ma di matrice comunque anglosassone in quanto si usa la panna acida, ovvero la crème fraîche, e si sa, se non usi la crème fraîche ormai non sei nessuno!

La ricetta viene da QUI.
Ingredienti: 3 uova 
150 g di zucchero 
75 g di burro fuso 
150 g di farina  
150 g di panna acida (la crème fraîche... ) 
la scorza di un  limone 
succo di mezzo limone
vanillina
lievito per dolci
un pizzico di sale
  
glassa al limone:

150 g di zucchero a velo
20 g di succo di limone

scorze di limone per decorare




Tre appunti: a) Spocchiagirl non aveva lo zucchero a velo, dunque ha frullato lo zucchero e la glassa è venuta una ciofeca, b) Spocchiagirl non è nessuno perché non aveva la crème fraîche, dunque ha mischiato panna fresca, yogurt bianco acido e qualche goccia di limone, c) le lemon cake che mangia Sansa sono dolcetti ("per quanto trovasse deliziosi quei dolcetti, Sansa si sentì così piena da riuscire a mandarne giù due a stento." e prima aveva ingurgitato, in porzioni degne di una regina: zuppa di orzo, cacciagione, insalata di tuberi dolci, spinaci, prugne e noci, 'ste cavolo de lumache, trota cotta nella creta, arrosto di bisonte (???), animelle stufate, sformato di piccione, mele cotte con cannella,  e dolci al limone con glassa di zucchero... ), ma in realtà Spocchiagirl aveva fatto una torta per cui ha tagliato un cerchio con un ring e si è un po' rotta.

Ora dopo mesi e mesi dall'esplosione del fenomeno, sulla pessima traduzione ed edizione della Mondadori è stato detto praticamente tutto. A partire dall'unicorno.

Ma qual è davvero il punto di forza di questa saga? Innanzi tutto la preponderante nota realistica di trama e personaggi: siamo in un medioevo fantastico sporco e crudele, che nelle sue dinamiche di lotta al potere ricorda più un rinascimento machiavellico, popolato da dame e cavalieri con tante macchie e tanta paura.

Nella struttura ricorda moltissimo i romanzi medievali in prosa del ciclo arturiano, soprattutto per la divisione in blocchi netti che raccontano le vicende di un singolo personaggio, ma anche, se vogliamo, per la prolissità dei racconti e l’attenzione per le genealogie.  

Bisogna ammettere che è bello non solo per una trama accattivante piena di colpi di scena, ma per il lavoro scrupoloso di uno scrittore che sa il fatto suo, che, a parte il disastro della traduzione italiana, ha scelto uno stile ben preciso e sicuramente non popolare, che ha saputo creare dei personaggi potentissimi, uno su tutti, il preferito di Spocchiagirl: Jaime Lannister. Non esistono uomini come lui, ma solo lui.




Commenti

  1. Vabbè ma quindi il risultato?

    RispondiElimina
  2. del dolce? buono, ma la glassa si è cristallizzata...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…