Passa ai contenuti principali

Un libro una ricetta: "Il fauno di marmo" e gli gnocchetti alla romana


Ho ricominciato a scrivere, le mie cose intendo. Sì perché da qualche mese scrivo tanto, tutte le mattine, spendo un sacco di parole inutili e allora, mi sono detta, se faccio questo DEVO per forza ricominciare a  fare quello che adoro di più in assoluto.

Le mie velleità, però, si trasformano sempre in enormi lavori di ricerche, studi, analisi di ore e giorni che si riducono poi a mere apparizioni di un attimo; il compito del labor limae è infinito e quasi tedioso… insomma sono lenta, lentissima.


Comunque le mie peregrinazioni alla ricerca di notizie e conferme, questa volta mi han portato alla scoperta di un romanzetto di Nathaniel Hawthorne Il fauno di marmo, veramente poco stimolante per la tematica, diciamo così. Ma la cosa importante, che forse è anche l’unica forza del libro, è l’atmosfera, o meglio lo sfondo alle vicende: la città di Roma nell’Ottocento. Un mondo di arte e di artisti per lo più, ma ciò che mi serviva era capire per bene come si viveva. E non mancano scorci interessanti.



Ovviamente mi sono andata a ricercare anche altre chicche, ma sono per lo più resoconti di viaggio di grandi scrittori europei (leggi Dickens, Zola, Goethe, Stendhal… ), manco tanto leggibili. Comunque tenterò di trovare un’edizione italiana di Rome, di Zola, altrimenti mi toccherà leggerlo in francese!


Associato alla Roma ottocentesca, arrivano gli gnocchetti:

gnocchi alla romana

100 g di burro
700 ml di latte
noce moscata
120 g parmigiano
sale
250 g semolino (io avevo il cus cus e ho usato quello!)
2 uova

Mettere il latte, un po’ del burro, sale e noce moscata. Portare a ebollizione e versare il semolino (o il cus cus, semplicemente è di una grana più grossa), mescolando con una frusta.
Cuocere per qualche minuto, finché il composto non si addensa. Togliere dal fuoco e aggiungere le uova e poco più della metà parmigiano grattugiato.

Versare il composto in una teglia bagnata e dai bordi bassi, e livellare il tutto. Aspettare che si raffreddi. Nel frattempo prendere una pirofila e imburrarla e accendere il forno a 200°.
Poi, con l’aiuto di un tagliapasta rotondo o di uno stampo per biscotti, fare dei dischi. Metterli nella pirofila sovrapponendo leggermente un disco all’altro.

Infine cospargere il tutto con il parmigiano rimasto e il burro fuso.
Cuocere per 20 minuti circa.

Commenti

  1. Bentrovata nel club (dei lenti).

    Roma e gnocchetti, m'hai fatto rivenire voglia di andare alla Taverna degli Amici all'ombra (quasi) del Vittoriano... il post sbagliato da leggere a quest'ora.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…