Passa ai contenuti principali

Cinque domande a Barbara Garlaschelli

Scritto sempre per LSCMAG nel 2011:


Con i suoi scritti ci ha mostrato diversi mondi di donne e, con "Sirena - Mezzo pesante in movimento", ci ha raccontato perfino il suo. Barbara Garlaschelli è un'autrice eclettica, che ha spaziato dal noir al giallo, dal thriller alla letteratura per ragazzi, senza mai del tutto abbandonare il suo personale stile asciutto, secco e tagliente.


Con il suo ultimo lavoro “Non ti voglio vicino”, è stata tra i candidati al Premio Strega. Come cambia, se cambia, la vita di una scrittrice già affermata dopo la partecipazione a un concorso che, seppur tra mille polemiche, rimane uno dei più importanti in Italia?

È cambiata, forse, nella percezione che i lettori hanno di me, come avessi fatto un salto di qualità. Ma, per ciò che mi riguarda, al di là della inevitabile soddisfazione, nulla è cambiato nel rapporto con me stessa, la mia scrittura, gli altri. 
La sua storia come autrice è molto varia, caratterizzata dall’esplorazione di diversi generi e tipologie di narrazione. C’è un aspetto di questa varietà al quale si sente più legata?
No, non sono legata a un aspetto particolare, ma al desiderio di raccontare storie sempre diverse. Non voglio scrivere e riscrivere lo stesso romanzo. E voglio continuare nella ricerca di quello che definisco la mia “voce” narrativa.
Da poco è stato l’anniversario di Tessere Trame, un’associazione tutta al femminile a cui tiene molto. Di cosa vi occupate? 
Ci occupiamo di cultura, in tutte le sue declinazioni, concentrandoci soprattutto sulla lettura, organizzando incontri e percorsi che abbiano come tema la lettura (l'ultimo è stato fatto alla sezione femminile del carcere di Piacenza). Mettiamo in scena book-performance, eventi letterari basati sulla parola, l'immagine e qualunque suggestione ci ispiri il libro che vogliamo portare al pubblico. 
Quali saranno i prossimi appuntamenti con Tessere Trame?
Un'antologia di cui ancora non posso parlare ma che vede coinvolte oltre alle socie di Tessere Trame alcune tra le migliori autrici italiane.
E poi eventi legati alla campagna soci (tutte le informazioni sull'argomento sono presenti sul nostro blog: tesseretrame.com).
Qualche anticipazioni su i suoi lavori? Sta lavorando a qualcosa di nuovo?
Sì. Un nuovo romanzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Coniglio ripieno

Oh Santissimo Sacripante! Preparare questo piatto, per me, è stata una grande fatica. A me il coniglio fa impressione, ed è anche per questo che volevo un po' camuffarlo cucinandolo in questo modo.
Ovviamente, e fortunatamente, qui in Sabina, volendo si trovano carni "speciali" (questo è un marchio registrato di ogni pizzicarolo nostrano... ) e perfino "allevamenti casalinghi". Questo coniglio proveniva da uno di questi ed era particolarmente grosso... e inquietante.

Non fiction novel: letterature e tradizioni

Scritto nel 2014, sempre per LSC Magazine.
Una nuova direzione, è evidente, sta prendendo la letteratura italiana, in maniera sempre più macroscopica, negli ultimi anni. Stiamo assistendo a un coinvolgimento sempre più massiccio della realtà non solo in narrativa, a dire il vero, ma anche in altre forme di comunicazione. È lampante quanto il cinema abbia sfruttato questo concetto: basti citare solo il caso di Philomena, nominato agli Oscar di quest’anno anche per la sceneggiatura non originale tratta dal libro di Martin Sixsmith sulla storia vera di una donna alla ricerca del figlio che fu costretta a dare in adozione.

Le parole che io uso significano esattamente ciò che decido, né più né meno

Ahhhhhhh, Colui che Non Deve Essere Nominato mi ha ingannato di nuovo! Humpty Dumpty non ha mai detto "Quello che dico significa nè più nè meno di quello che dico"!... quello che dice, signfica semplicemente ciò che lui DECIDE che possa significare!! E infatti è un arbitrio e Voi Sapete Chi lo mascherava sotto un'apologia della semplicità!!

Tutto questo è un po' contorto, ma del resto stiamo parlando (ma chi? ma in quante siamo?) di Alice nel paese delle meraviglie e di Attraverso lo specchio (che reputo moooooooolto più carino), i testi capostipiti del nonsense e del surreale:

"Prima l'esecuzione, poi il verdetto"! dice più volte la Regina

oppure

"Non credere mai di essere altro che ciò che potrebbe sembrare ad altri che ciò che eri o avresti potuto essere non fosse altro che ciò che sei stata che sarebbe sembrato loro essere altro." dice la Duchessa (e ancora non l'ho capito tanto bene!)

oppure questa

Alice rise: «È inutile che ci provi», diss…